Norme Tecniche Costruzioni (NTC) 2018: azioni e sollecitazioni

27/03/2018

9.909 volte
Norme Tecniche Costruzioni (NTC) 2018: azioni e sollecitazioni

Il presente articolo, quale prosieguo di quello già pubblicato in merito alla “sicurezza e prestazioni attese”, riguarda le “azioni e sollecitazioni” incluse le azioni sismiche. I capitoli in questione riguardano le azioni statiche, pseudo statiche e sismiche. Così come nelle NTC08, anche le NTC18 introducono la natura delle azioni, ossia carichi permanenti e sovraccarichi.

La prima criticità di incontra già al paragrafo § 3.1.1:
“3.1.1. GENERALITÀ
Nel presente paragrafo vengono definiti i carichi, nominali e/o caratteristici, relativi a costruzioni per uso civile o industriale. <…omissis…>”

Per poter comprendere ciò che viene indicato è necessario fare riferimento al Vocabolario Internazionale di Metrologia (VIM) nel quale si legge:
“4.6 - valore nominale di una grandezza, valore nominale
Valore arrotondato o approssimato di una grandezza caratteristica di uno strumento di misura o di un sistema di misura, che serve da guida per un uso idoneo”

In buona sostanza, entrambi i dettati normativi sanciscono che:
“Sono considerati carichi permanenti non strutturali i carichi presenti sulla costruzione durante il suo normale esercizio, quali quelli relativi a tamponature esterne, divisori interni, massetti, isolamenti, pavimenti e rivestimenti del piano di calpestio, intonaci, controsoffitti, impianti ed altro, ancorché in qualche caso sia necessario considerare situazioni transitorie in cui essi non siano presenti. <…omissis…>”

e

“<…omissis…>. Le azioni permanenti gravitazionali associate ai pesi propri dei materiali non strutturali sono derivate dalle dimensioni geometriche e dai pesi dell’unità di volume dei materiali con cui sono realizzate le parti non strutturali della costruzione. I pesi dell’unità di volume dei materiali non strutturali possono essere ricavati dalla Tab. 3.1.I, ovvero da specifiche indagini sperimentali o da normative o da documenti di comprovata validità, trattando i valori nominali come valori caratteristici. <…omissis…>”

Guida alle Norme Tecniche per le Costruzioni 2018

Guida alle Norme Tecniche per le Costruzioni 2018
Decreto 17 gennaio 2018 (Gazzetta Ufficiale 20 febbraio 2018, n. 42 - S.O. n. 8) - Danca dati relativa alle norme tecniche dal 1971 ad oggi, NTC18 in versione digitale e programma “Spettri NTC”

Vai alla scheda tecnica

In merito ai sovraccarichi verticali uniformemente distribuiti, le NTC18 propongono una soluzione già presente nel vecchio dettato normativo, anche se non recente, nelle norme nazionali.
Infatti, similmente alla Circolare 4 luglio 1996, N° 156AA.GG/STC, al punto C.5.5, nelle NTC18 risulta una riduzione:

NTC

con αA  ≥ 0.60, n il numero di piani, ψ0 il coefficiente di combinazione e Area l’estensione dell’area di influenza in m².

Per quanto riguarda le azioni variabili, in merito al carico neve non vi è alcuna variazione fra i due disposti di legge. Qualche variazione, solo formale, si riscontra nella determinazione dell’azione del vento. In particolare:

  • viene introdotto in norma il coefficiente di ritorno cr

NTC

  • la velocità base di riferimento è la medesima, in termini di nozione rispetto alle NTC08; ma risulta definita in funzione della velocità base di riferimento al livello del mare, vb,0 ed al coefficiente di altitudine, ca;
  • il coefficiente di altitudine ca è rielaborato secondo la

NTC

In ogni caso la norma, come nelle NTC08, difetta della definizione di costruzione stagna per cui è necessario ricorrere alle norme del CNR per inquadrare la questione (Cfr. CNR-DT 207/2008):
“<…omissis…>
G.4 Pressione interna
<…omissis…>
Di norma, ogni costruzione deve essere assunta non stagna, quindi deve essere considerato un valore non nullo della pressione interna. Possono essere considerate stagne soltanto:

  • le costruzioni in cui la superficie totale delle aperture non superi lo 0,0002 (0,2·10-3) della superficie totale;
  • le costruzioni con aperture controllate, ossia le costruzioni le cui aperture vengono usualmente tenute chiuse, e che comunque possono essere chiuse in caso di necessità.

<…omissis…>”

Oltre a ciò, le NTC18 ricalcano nel NCT08 con una importante precisazione per l’azione sismica.

Pur riproponendo, le NTC18, lo stesso approccio rispetto allo spettro elastico, sia per la componente verticale, orizzontale e per lo spostamento orizzontale, il nuovo assetto normativo propone un nuovo quadro in merito allo spettro di progetto.

La variazione è legata al fattore q che, nelle NTC18, è indicato quel fattore di comportamento:

NTC

Differentemente dalle NTC08 secondo le quali allo SLD, in capacity design o gerarchia delle resistenze, lo spettro era elastico, nelle NTC18 lo spetto può essere ridotto fino al 33%.

A cura di Ing. Gianni Michele De Gaetanis
Autore di Guida alle norme tecniche per le costruzioni

© Riproduzione riservata



Esprimo il consenso al trattamento dei dati personali ai sensi della normativa vigente e secondo le finalità illustrate nell'informativa