Lombardia: In vigore il Prezzario regionale delle opere pubbliche 2019

21/01/2019

2.125 volte

Sul bollettino ufficiale n. 1 del 4 gennaio 2019 della Regione lombardia è stata pubblicata la delibera n. 1129 del 28 dicembre 2018 della Giunta regionale della Regione lombardia con cui è stato approvato il Prezzario regionale 2019 delle opere pubbliche ai sensi dell’art. 23 del d.lgs. 18 aprile 2016, n. 50; il prezzario è stato elaborato in collaborazione con il Comune di Milano e con il concerto del Provveditorato Interregionale alle Opere Pubbliche di Lombardia ed Emilia Romagna.

Applicazione e validità

La normativa prevede che il costo dei prodotti, delle attrezzature e delle lavorazioni funzionali alla quantificazione definitiva del limite di spesa per la realizzazione di lavori pubblici sia determinato sulla base dei prezzari regionali aggiornati annualmente. La presente edizione del Prezzario regionale costituisce pertanto il riferimento per la quantificazione preventiva, le attività di progettazione e di realizzazione delle opere pubbliche in Lombardia a partire dal 1 gennaio 2019.

Tale riferimento non risulta obbligatorio per la redazione dei quadri economici, o la quantificazione della spesa, per i progetti che verranno approvati entro il 30 giugno 2019, purché costituiscano il livello progettuale che verrà posto a base di gara o appaltato.

Il prezzario avrà validità sino al 31 dicembre 2019 e, in via transitoria e analogamente a quanto sopra, potrà essere utilizzato per i progetti approvati entro il 30 giugno 2020 e che costituiranno il livello progettuale posto a base di gara o appaltato.

Le caratteristiche del prezzario regionale – edizione 2019

Il prezzario regionale è stato realizzato utilizzando come riferimento il listino prezzi redatto dal Comune di Milano aggiornato al 2019.

All'interno di tale riferimento è stato ritenuto opportuno consentire, in via sperimentale e per alcune categorie di voci del Volume 1.1 Opere compiute: Civili, urbanizzazione, l’applicazione facoltativa di variazioni percentuali dei prezzi, in funzione della localizzazione dei lavori nelle macro-aree individuate. Le specifiche per l’applicazione di tali variazioni sono riportate nel paragrafo “Adeguamento territoriale dei prezzi” contenuto nelle premesse al Volume 1.1.

L’edizione 2019 del Prezzario si presenta inoltre già integrata con una prima serie di voci relative alle Opere di difesa del suolo, riportate al capitolo 1F del Volume 1.1.

Nel Prezzario sono riportate le incidenze relative a manodopera, materiale e noli, in particolare:

  • nella colonna “% INC. M.O.” è riportata l’incidenza percentuale che moltiplicata per il “PREZZO” indica il costo della manodopera quantificata e quindi già computata nel valore delle lavorazioni “PREZZO”;
  • nella colonna “% INC. MAT” è riportata l’incidenza percentuale che moltiplicata per il “PREZZO” indica il costo dei materiali quantificati e quindi già computati nel valore delle lavorazioni “PREZZO”;
  • nella colonna “% INC. NOLI” è riportata l’incidenza percentuale che moltiplicata per il “PREZZO” indica il costo dei noli e attrezzature quantificati e quindi già computati nel valore delle lavorazioni “PREZZO”.

Il Prezzario regionale è disponibile gratuitamente, in formato .PDF e nei formati di interscambio (HTML e XML), al fine di favorirne l’utilizzo con gli eventuali software dedicati. Si mette inoltre a disposizione il file Listino Prezzi 2019 XML con #TagBIM, che riporta un numero limitato di voci codificate con una metodologia sperimentale, proposta anche in sede di elaborazione della norma UNI 11337, per favorire l’integrazione del Prezzario con i software più utilizzati per la progettazione e modellazione digitale (BIM).

A cura di Redazione LavoriPubblici.it

© Riproduzione riservata



PARTECIPA ALLA DISCUSSIONE

Esprimo il consenso al trattamento dei dati personali ai sensi della normativa vigente e secondo le finalità illustrate nell'informativa