NTC 2018, Circolare applicativa 2019 e l'inutile dualismo con gli Eurocodici

26/02/2019

2.649 volte

La pubblicazione della Circolare applicativa delle Norme Tecniche per le Costruzioni è arrivata a poco più di un anno da quella del Decreto del Ministero delle Infrastrutture 17 gennaio 2018. Un'attesa di un anno non giustificata dal punto di vista tecnico ma solo dal continuo rimbalzo di controlli tra stato e regioni.

Le attuali norme tecniche non sono che una drastica sintesi degli Eurocodici già vigenti in tanti paesi europei e non solo. Il dualismo Norma tecnica- Circolare applicatica tenta disperatamente di uscire dalla filosofia degli Eurocodici, che sostanzialmente suggeriscono e lasciano al progettista responsabilità e scelte tecniche. La norma italiana fornisce la parte resa cogente, in linea con la filosofia "rigida" delle nostre leggi; la circolare la parte "libera" dalla cogente, che fornisce le indicazioni.

La Circolare esplicativa 21 gennaio 2019, n. 7, resa disponibile dall'11 febbraio 2019, fornisce utili indicazioni sulla applicazione delle NTC 2018 di cui al DM 17/1/018. Pur non avendo valore cogente, l'approvazione della circolare completa l’applicabilità delle prescrizioni delle NTC2018 e le rende di fatto finalmente "complete" ed esaustive.

Ma attenzione: la base interpretativa di ampio respiro è fornita dagli Eurocodici strutturali.

Nel campo delle strutture in cui si hanno 53 volumi di norme europee appare chiaro che le NTC2018 e la circolare appena uscita non sono che la punta di un iceberg. Il capitolo finale auspicabile per questa saga infinita di sintesi di norme europee potrebbe essere l'applicazione dei soli Eurocodici, entrando a pieno titolo nello spirito di tali norme. I principi sono cogenti, le regole da seguire per addivenire al rispetto dei principi sono consigliate, presentano la possibilità suggerita dalle norme, senza prescrizioni obbligatorie. Tale evenienza deve essere ben precisata e chiarita in sede legale per tutelare il progettista e il direttore dei lavori. Purtroppo nel nostro paese il sistema giudiziario tende a triturare il tecnico che fa scelte non contemplate nella norma cogente. Solo attenendosi rigidamente alle norme il tecnico italiano può sperare di sopravvivere ad una possibile azione giudiziaria mossa nei suoi confronti.

Forse dunque il nostro sistema di rigide regole non è ancora pronto ad entrare nel più "aperto" sistema europeo. Eppure gli Eurocodici sono già applicabili.

Il parallelismo NTC-Eurocodici è un paradosso tutto italiano che costringe il tecnico a fare slalom iperbolici per dribblare le varie prescrizioni. In pratica le NTC sono un sistema rigido che di fatto cristallizza regole e principi e li rende non eludibili essendo prescrizioni cogenti. Circolare ed Eurocodici sembrano essere una cornice di consigli e commenti.

Nell’allegato alla pubblicazione del testo della circolare si legge: “Tale aggiornamento costituisce un più avanzato sistema normativo atto a fornire i criteri generali di sicurezza, a precisare le azioni che devono essere utilizzate nel progetto, a definire le caratteristiche dei materiali ed a trattare gli aspetti attinenti alla sicurezza strutturale delle opere, nuove ed esistenti: impostazione condivisa dal mondo accademico, professionale e produttivo-imprenditoriale”.

La Circolare "aiuta" lo strutturista a raggiungere le prestazioni attese dalle NTC 2018 applicandole correttamente. Nella circolare sono riportate specifiche istruzioni per la corretta applicazione delle norme, al fine di facilitarne l’utilizzo da parte dei soggetti interessati a qualunque titolo (tecnici progettisti, direttori dei lavori e/o collaudatori, imprese, produttori, enti di controllo, ecc.), nonché, ove considerato utile a tale scopo, le principali innovazioni delle NTC medesime.

Evidentemente tali istruzioni non sarebbero proprio indispensabili se sono state adottate non in contemporanea con le NTC ma dopo un anno in cui il sistema ha tenuto il fiato sospeso. Non è questo il sistema, norme e circolare devono essere fornite insieme!

Il sistema paese ha bisogno di certezze, di norme subito applicabili, non di attese su attese che creano un'incertezza paradossale, soprattutto considerato che il sistema Eurocodici viaggia sulla sua strada senza bisogno di altre approvazioni, di regioni o altri enti.

Dunque, forza Eurocodici!

A cura di Ing. Antonio Cirillo
Autore di Gli Eurocodici per le NTC 2018

© Riproduzione riservata



PARTECIPA ALLA DISCUSSIONE

Esprimo il consenso al trattamento dei dati personali ai sensi della normativa vigente e secondo le finalità illustrate nell'informativa