In mostra all’Unesco, 36 opere d’arte eccezionali recuperate dal comando carabinieri tutela patrimonio culturale italiano

03/05/2017

709 volte
Dal 2 al 12 maggio 2017, l’UNESCO ospiterà la mostra "Tesori recuperati", organizzata dal Ministero degli Affari Esteri e della Cooperazione internazionale e dal Comando Carabinieri Tutela Patrimonio Culturale (TPC). In mostra 36 opere d'arte eccezionali, antiche e moderne, rubate o illegalmente esportate e recuperate dal Comando Carabinieri TPC.
 
L’evento, è stato inaugurato oggi, 2 maggio, dal Ministro dei Beni e delle Attività Culturali e del Turismo, Dario Franceschini e dal Vice-Comandante Generale dell'Arma dei Carabinieri, Generale di Corpo d’Armata Vincenzo Coppola, costituisce un'opportunità unica per ammirare la diversità e la ricchezza del patrimonio culturale italiano e presentare il lavoro dei Carabinieri al personale e alle Delegazioni Permanenti dell'UNESCO, ai membri della comunità internazionale e al grande pubblico.
 
Per il Ministro dei beni e delle attività culturali e del turismo, Dario Franceschini "questa mostra conferma quanto il Comando Carabinieri Tutela Patrimonio Culturale sia un’eccellenza e un punto di riferimento a livello internazionale che in quasi cinquant’anni di attività ha costruito quella credibilità necessaria a conseguire importanti traguardi, quali la costituzione della task force Unesco Unite4Heritage e la risoluzione Onu per la salvaguardia dei beni culturali nelle zone di conflitto”. 
 
Il percorso della mostra consente ai visitatori di conoscere il modo in cui le opere sono state recuperate, le circostanze dei furti, delle esportazioni illecite e degli scavi illegali, oltre la storia del Comando Carabinieri TPC Carabinieri, i dettagli operativi e i dati generali riguardanti il traffico illecito delle opere d'arte in Italia.
 
La mostra è aperta dal lunedì al venerdì dalle 9,30 alle 17,30, nella Sala Mirò dell’UNESCO (7, Place de Fontenoy, Paris).


© Riproduzione riservata

PARTECIPA ALLA DISCUSSIONE

Esprimo il consenso al trattamento dei dati personali ai sensi della normativa vigente e secondo le finalità illustrate nell'informativa