Opere pubbliche: bandi di progettazione in aumento con il nuovo Codice dei contratti

08/10/2018

1.107 volte

Cresce il mercato dei servizi di progettazione. Dalla seconda metà del 2016, ovvero subito dopo l'entrata in vigore del nuovo D.Lgs. n. 50/2016 (c.d. Codice dei contratti), le gare di progettazione, ovvero quelle che riguardano la progettazione di lavori pubblici (progetto di fattibilità tecnica ed economica, progetto definitivo e progetto esecutivo), le attività di direzione dei lavori e di coordinamento della sicurezza, hanno avuto un vero e proprio boom generato, in particolare, dalla limitazione dell’appalto integrato e dalle misure riguardanti i concorsi di progettazione e di idee.

Lo ha confermato il rapporto "Infrastrutture strategiche e prioritarie - Programmazione e realizzazione" predisposto dal Servizio Studi della Camera dei deputati in collaborazione con l’Autorità nazionale anticorruzione e l’Istituto di ricerca CRESME, che ha riassunto l’attività di monitoraggio sull'attuazione del Programma delle infrastrutture strategiche.

Come evidenziato nel rapporto, il 2017 rappresenta il quarto anno consecutivo di crescita per numero di opportunità e il terzo per importo, determinando un trend espansivo consolidato della domanda di servizi di progettazione di opere pubbliche. Nel 2017 rispetto ai dati del 2013, infatti, si osserva un numero di procedure più che raddoppiato, da 1.461 a 3.375 (+131%), e un importo più che quadruplicato, da 164 a 711 milioni di euro (+333%).

Da segnalare che il rapporto prende come riferimento gli importi a base di gara senza prendere in considerazione le aggiudicazioni e quindi i ribassi che, com'è noto, nel mercato della progettazione viaggiano sul -40%.

Anche il parziale del 2018 conferma i dati del 2017. Il primo semestre 2018 è in linea con lo stesso periodo dell'anno precedente: si è passati da 1.505 a 1.938 bandi per un importo da 218 a 284 milioni di euro.

Rapporto

Nella dinamica della crescita del mercato di progettazione sono certamente determinanti gli interventi nel settore dei trasporti (strade e autostrade, ferrovie e metropolitane, porti, interporti e aeroporti) nel biennio 2016-2017 ammontano a 468 milioni di euro (il 45% del valore complessivo del mercato pari a circa 1 miliardo di euro), un valore più che sestuplicato (+579%) rispetto all’ammontare totalizzato nel biennio 2014-2015 (meno di 70 milioni di euro, il 20% del valore totale del mercato pari a 343 milioni).

Anche in questo caso la fase di crescita sembra proseguire nel primo semestre del 2018: rispetto al primo semestre del 2017, si passa da 62 a 78 milioni di euro (+25%). In questo ambito rientrano dieci bandi, di seguito indicati, di importo superiore a 1,5 milioni di euro, indetti tra i mesi di aprile 2016 e giugno 2018, relativi a servizi di progettazione di specifiche infrastrutture di trasporto strategiche per un ammontare complessivo di 59 milioni di euro.

Rapporto

In allegato il rapporto completo.

A cura di Redazione LavoriPubblici.it

© Riproduzione riservata



PARTECIPA ALLA DISCUSSIONE

Esprimo il consenso al trattamento dei dati personali ai sensi della normativa vigente e secondo le finalità illustrate nell'informativa