Bonus 600 euro liberi professionisti: il decreto con criteri e modalità di attribuzione per aprile

06/06/2020

20.489 volte
Bonus 600 euro liberi professionisti: il decreto con criteri e modalità di attribuzione per aprile

Bonus 600 euro ai liberi professionisti iscritti alle Casse di Previdenza private: il Ministro del lavoro e delle politiche sociali di concerto con il Ministro dell’economia e delle finanze ha emanato il decreto interministeriale 29 maggio 2020 recante “Criteri di priorità e modalità di attribuzione per il mese di aprile 2020 a favore dei liberi professionisti iscritti agli enti di cui ai decreti legislativi 30 giugno 1994, n. 509 e 10 febbraio 1996, n. 103, ai sensi dell’art. 44, del D.L. n. 18/2020, convertito con modificazioni dalla legge n. 27/2020, e come modificato dall’art. 78 del D.L. n. 34/2020”.

Bonus 600 euro riconosciuto in automatico

Con il nuovo decreto sono stanziati 650 milioni di euro per i mesi di aprile e maggio 2020 e viene confermato anche per il mese di aprile il bonus 600 euro già previsto per marzo. Il bonus sarà erogato automaticamente ai soggetti già beneficiari dell'indennità di cui al decreto interministeriale del 28 marzo 2020, emanato ai sensi dell'articolo 44, comma 2, del decreto-legge 17 marzo 2020, n. 18 (c.d. #CuraItalia). Confermati anche gli stessi limiti di accesso previsti dal decreto 28 marzo 2020.

Bonus 600 euro: i soggetti beneficiari

Il bonus 600 euro sarà, dunque, riconosciuto:

  • ai lavoratori che abbiano percepito, nell'anno di imposta 2018, un reddito complessivo non superiore a 35mila euro;
  • ai lavoratori che abbiano percepito un reddito complessivo compreso tra 35mila e 50mila euro e abbiano cessato, ridotto o sospeso la loro attività autonoma o libero-professionale di almeno il 33% nel primo trimestre 2020, rispetto allo stesso reddito del primo trimestre 2019, sempre a causa del Coronavirus.

Bonus 600 euro: per i nuovi beneficiari

I professionisti che non avessero goduto del bonus 600 euro di marzo, ai fini del riconoscimento dell’indennità di aprile, alla data di presentazione della domanda, devono soddisfare le seguenti condizioni:

  • non devono essere titolari di contratto di lavoro subordinato a tempo indeterminato;
  • non devono essere titolari di pensione.

Bonus 600 euro: nuove domande dall’8 giugno 2020

Le domande per l'ottenimento della nuova indennità devono essere presentate dai professionisti dal 8 giugno 2020 agli enti di diritto privato di previdenza obbligatoria cui sono iscritti, che ne verificano la regolarità ai fini dell'attribuzione del beneficio, provvedendo ad erogarlo direttamente all'interessato.

L'indennità è riconosciuta anche ai professionisti che si sono iscritti agli enti di diritto privato di previdenza obbligatoria nel corso dell'anno 2019 e entro il 23 febbraio 2020, purché nella dichiarazione presentata al proprio ente attestino un reddito professionale entro i limiti indicati nel decreto ministeriale 28 marzo 2020.

Da Inarcassa le prime informazioni sul Bonus da 600 euro per aprile

Con un comunicato dell’ultima ora, la Cassa di Previdenza di Architetti e Ingegneri liberi professionisti (Inarcassa) ha anticipato alcune informazioni riguardo le modalità di erogazione delle indennità di 600 euro a favore dei liberi professionisti per il mese di aprile.

Ai beneficiari dell’indennità di marzo, il bonus verrà erogato automaticamente senza la necessità di presentare una nuova domanda. I professionisti iscritti che non hanno percepito l’indennità a marzo, potranno inoltrare la richiesta del bonus di aprile tramite Inarcassa On line, a partire dall’8 giugno.

I requisiti di accesso al beneficio da parte di questi ultimi e l’avvio del servizio saranno comunicati entro la stessa data sul sito di Inarcassa.

A cura di Redazione LavoriPubblici.it

© Riproduzione riservata



Esprimo il consenso al trattamento dei dati personali ai sensi della normativa vigente e secondo le finalità illustrate nell'informativa