Oltre 220 milioni di euro per il rischio idrogeologico

Pubblicato il Dpcm 18 giugno 2021 per il finanziamento di interventi previsti per rischio idrogeologico

di Redazione tecnica - 10/08/2021
© Riproduzione riservata
Oltre 220 milioni di euro per il rischio idrogeologico

Il 4 agosto 2021, dopo la registrazione della Corte dei Conti del 29 luglio 2021 è stato pubblicato sul sito del Dipartimento Casa Italia il Decreto 18 giugno 2021 recante il riparto e le modalità di utilizzo delle risorse previste dal capitolo di bilancio n. 907 della Presidenza del Consiglio dei ministri per il finanziamento di interventi volti alla messa in sicurezza del Paese in relazione al rischio idrogeologico.

Il Dpcm 18 giugno 2021

Il Dpcm 18 giugno 2021 prevede, in particolare, che le risorse assegnate alla Presidenza del Consiglio dei ministri – Dipartimento Casa Italia sul capitolo n. 907, pari a 220.228.324,00 euro, a valere sul cd. Fondo investimenti di cui all’art. 1, comma 140, della legge n. 232 del 2016, come rifinanziato dall’art. 1, comma 1072, della legge n. 205 del 2017, sono ripartite tra le Regioni e le Province autonome di Trento e Bolzano, per essere destinate a interventi finalizzati, tra l’altro, alla rimessa in efficienza di opere idrauliche.

Le risorse sono ripartite tra le Regioni e le Province autonome secondo così come disposto nell’allegato 1 al provvedimento in cui è possibile vedere che le regioni Campania, Emilia-Romagna, Lazio, Lombardia, Piemonte, Puglia, Sardegna, Sicilia, Toscana e Veneto hanno avuto assegnato risorse di importo superiore a 10 milioni di euro.

Finalità delle risorse

Le risorse sono dirette a finanziare interventi finalizzati al recupero e al miglioramento della funzionalità idraulica dei reticoli idrografici, con particolare riferimento ad interventi in aree particolarmente vulnerabili per la salvaguardia della pubblica e privata incolumità e dei beni e delle attività produttive, demandando l’attuazione degli interventi stessi ai Presidenti delle Regioni, in qualità di Commissari straordinari, ai sensi dell’art. 10 del decreto-legge 24 giugno 2014, n. 91, e alle Province autonome.

Criteri e modalità per individuare gli interventi

Nell’allegato 2 al Dpcm 18 giugno 2021 sono, altresì, individuati i criteri di priorità per l’individuazione di detti interventi nonché le modalità e i termini del relativo finanziamento.

Documenti Allegati