ANAC: contributi 2017 di stazioni appaltanti, operatori economici e Soa

Sulla Gazzetta Ufficiale n. 43 del 21 febbraio 2017 è stata pubblicata la Delibera 21 dicembre 2015, n. 1377 dell'Autorità Nazionale Anticorruzione recante "...

23/02/2017
© Riproduzione riservata
ANAC: contributi 2017 di stazioni appaltanti, operatori economici e Soa

Sulla Gazzetta Ufficiale n. 43 del 21 febbraio 2017 è stata pubblicata la Delibera 21 dicembre 2015, n. 1377 dell'Autorità Nazionale Anticorruzione recante "Attuazione dell’articolo 1, commi 65 e 67, della legge 23 dicembre 2005, n. 266, per l’anno 2017".

Per i contributi, l'ANAC ha confermato, per l'anno 2017, senza alcun aumento, gli stessi importi già previsti per gli anni 2011, 2012, 2013, 2014, 2015 e 2016

I contributi per il 2017 sono riportati nella seguente tabella:

Fascia di importo
(in euro)

Quota per le stazioni appaltanti (in euro)

Quota per ogni partecipante (in euro)

  inferiore a 40.000

Esente

Esente

  da 40.000 a 149.999

30,00

Esente

  da 150.000 a 299.999

225,00

20,00

  da 300.000 a 499.999

225,00

35,00

  da 500.000 a 799.999

375,00

70,00

  da 800.000 a 999.999

375,00

80,00

  da 1.000.000 a 4.999.999

600,00

140,00

  da 5.000.000 a 19.999.999

800,00

200,00

  da 20.000.000

800,00

500,00

Ricordiamo, con l'occasione, che sono obbligati alla contribuzione a favore dell'Autorità, nella misura definita nella precedente tabella, i seguenti soggetti pubblici e privati:

  • a) le stazioni appaltanti e gli enti aggiudicatori di cui agli articoli 32 e 207 del decreto legislativo 12 aprile 2006, n. 163, anche nel caso in cui la procedura di affidamento sia espletata all'estero;
  • b) gli operatori economici, nazionali e esteri, che intendano partecipare a procedure di scelta del contraente attivate dai soggetti di cui alla lettera a).

Anche per quanto concerne gli organismi di attestazione di cui all'articolo 84 del decreto legislativo 18 aprile 2016, n. 50, con la nuova determinazione non c'è alcun aumento e le SOA stesse continuano ad avere l'obbligo di versare a favore dell'Autorità per la vigilanza sui contratti pubblici di lavori, servizi e forniture un contributo pari al 2% dei ricavi risultanti dal bilancio approvato relativo all'ultimo esercizio finanziario.

Nell'articolo 3 del provvedimento vengono, poi, definite le modalità e termini di versamento della contribuzione.

A cura di Redazione LavoriPubblici.it