Affidamenti di importo superiore o uguale a 40mila euro: pubblicato il III Rapporto ANAC 2015

Sono 47.672 per un importo di oltre 41 miliardi di euro le procedure di affidamento perfezionate di importo superiore o uguale a € 40.000. Il dato è ripor...

18/05/2016
© Riproduzione riservata
Affidamenti di importo superiore o uguale a 40mila euro: pubblicato il III Rapporto ANAC 2015

Sono 47.672 per un importo di oltre 41 miliardi di euro le procedure di affidamento perfezionate di importo superiore o uguale a € 40.000.

Il dato è riportato nel Rapporto ANAC relativo al terzo quadrimestre 2015 (set-dic) che contiene le statistiche aggregate dei contratti pubblici e tre sezioni di dettaglio - in cui viene effettuata un’analisi comparata con il quadrimestre dell’anno precedente - relative alle diverse tipologie di contratto (lavori, servizi e forniture). Le analisi del rapporto si basano sui dati contenuti nella Banca dati nazionale dei contratti pubblici (BDNCP) aggiornati a fine aprile 2016, i cui importi a base d’asta (da non confondere con l’importo contrattuale che tiene conto del ribasso di aggiudicazione) fanno riferimento alle procedure di affidamento (bandi e inviti di importo a base di gara pari o superiore a 40.000 euro) “perfezionate” per le quali cioè è stato pubblicato un bando (nel caso di procedure aperte) o è stata inviata una lettera di invito (nel caso di procedure ristrette o negoziate). Per questa ragione, l’analisi potrebbe non ricomprendere alcuni appalti, anche di grande importo, affidati tramite procedure ristrette che non risultano ancora perfezionate nella BDNCP.

Per ragioni di omogeneità e rappresentatività, sono state escluse dalle analisi le procedure relative:

  • ai bandi aventi ad oggetto servizi finanziari ed assicurativi, poiché per questi appalti le SS.AA. spesso indicano un importo che non può essere considerato quello effettivo dell’appalto;
  • ai bandi che, pur presenti nel sistema di monitoraggio dell’ANAC, non rientrano tra i contratti pubblici “classici” (scelta del socio privato nella società mista, affidamento diretto a società in house, affidamento diretto a società raggruppate/consorziate o controllate nelle concessioni di lavori pubblici);
  • ai bandi relativi ad adesioni a convenzioni/accordi quadro, in quanto la loro inclusione nell’insieme di analisi, considerando la contemporanea presenza dei bandi “a monte” per la stipula di convenzioni/accordi quadro, produrrebbe una duplicazione degli importi; ai bandi che risultano essere stati annullati, cancellati o andati deserti.

Entrando nel dettaglio, l'analisi evidenzia che le procedure di affidamento di maggior importo fanno riferimento ai Servizi nel settore ordinario (18.782.741.013 di euro), seguono le Forniture (6.945.102.510 di euro) e i Lavori (5.715.833.196 di euro).

Tabella ANAC

Tabella 1A - Distribuzione delle procedure di affidamento di importo uguale o superiore a € 40.000 suddivise per tipologia di settore e di contratto (periodo: settembre – dicembre 2015)

Per quanto riguarda la distribuzione regionale, a fare da capofila è la Lombardia con 5.992 procedure (12,6%) per un importo complessivo di 4.788.093.326 €.

Tabella ANAC

Tabella 1B - Distribuzione delle procedure di affidamento di importo uguale o superiore a € 40.000 suddivise per Osservatorio Regionale di competenza della Stazione Appaltante (periodo: settembre – dicembre 2015)

A cura di Redazione LavoriPubblici.it

Documenti Allegati