Anticorruzione: Inconferibilità e incompatibilità di incarichi nella P.A.

Il Consiglio dell'Autorità Nazionale Anticorruzione (ANAC) ha approvato il 9 settembre 2015 l'Atto di segnalazione n. 5 recante "Proposte di modifica alla di...

16/09/2015
© Riproduzione riservata
Anticorruzione: Inconferibilità e incompatibilità di incarichi nella P.A.
Il Consiglio dell'Autorità Nazionale Anticorruzione (ANAC) ha approvato il 9 settembre 2015 l'Atto di segnalazione n. 5 recante "Proposte di modifica alla disciplina in materia di accertamento e sanzioni contenuta nel capo VII del d.lgs. 8 aprile 2013, n. 39 (Disposizioni in materia di inconferibilità e incompatibilità di incarichi presso le pubbliche amministrazioni e presso gli enti privati in controllo pubblico, a norma dell'articolo 1, commi 49 e 50, della legge 6 novembre 2012, n. 190)" che il Presidente Raffaele Cantone ha inviato a Governo e Parlamento.

Con la nuova segnalazione, che fa seguito a quella precedente n. 4 del 10 giugno 2015 con la quale erano state già evidenziate le criticità rilevate nel corso dell'attività istituzionale riguardo all'applicazione della vigente disciplina del d.lgs. n. 39/2013, l'Autorità ritiene necessario formulare osservazioni più puntuali in merito disciplina sulla vigilanza, accertamento delle situazioni di inconferibilità e di incompatibilità e applicazione delle sanzioni di cui agli articoli da 15 a 20 del decreto citato, che richiedono, ad avviso dell'Autorità stessa, un intervento urgente del legislatore.

Nel dettaglio l'Autorità ha rilevato le seguenti specifiche criticità:
  1. assenza di specifiche disposizioni che impongano alle amministrazioni competenti di effettuare controlli in ordine alla insussistenza di cause di inconferibilità prima del conferimento dell'incarico;
  2. assenza di una disciplina del procedimento di accertamento delle inconferibilità;
  3. incertezza sulla necessità o meno di una "dichiarazione di nullità";
  4. incertezza sulla attribuzione della competenza alla eventuale dichiarazione di nullità;
  5. incertezza del termine entro il quale la dichiarazione deve essere effettuata;
  6. automaticità della sanzione della sospensione;
  7. incertezza nella individuazione dell'organo competente a conferire gli incarichi nel periodo della sospensione;
  8. incertezza in caso di violazione della sospensione;

Criticità per le quali indica nel paragrafo 3 alcune specifiche proposte di modifica che possano eliminare il carattere automatico della sanzione dell'art. 18. Ma anche a concentrare nell'ANAC i poteri di vigilanza, accertamento, ordine e sanzione così insufficientemente regolati nell'attuale disciplina del d.lgs. n. 39/2013.

Nell'atto di segnalazione vengono individuate le seguenti proposte di modifica:
  • Eliminazione del carattere automatico della sanzione in caso di conferimenti dichiarati nulli;
  • affidamento all'ANAC di un potere suppletivo di accertamento delle situazioni di inconferibilità e incompatibilità;
  • affidamento all'ANAC del potere sanzionatorio.

A cura di Ilenia Cicirello
   

Link Correlati

Anac