Autorizzazione paesaggistica semplificata: Il Parere del Consiglio di Stato

Il Consiglio di Stato (Sezione consultiva atti normativi) con parere n. 1824 dell’1 settembre 2016, si è espresso favorevolmente, con alcune osservazioni e p...

12/09/2016
© Riproduzione riservata
Autorizzazione paesaggistica semplificata: Il Parere del Consiglio di Stato

Il Consiglio di Stato (Sezione consultiva atti normativi) con parere n. 1824 dell’1 settembre 2016, si è espresso favorevolmente, con alcune osservazioni e proposte di correttivi, sullo schema di decreto proposto dal Ministero per i beni culturali riguardante l’individuazione degli interventi che sono esclusi dall’autorizzazione paesaggistica o sono sottoposti a procedura autorizzatoria semplificata.

Il decreto si pone l’obiettivo di snellire il peso burocratico sulle iniziative dei privati, cittadini e imprese, e di restituire efficienza ed efficacia all’azione amministrativa in un ambito, quale quello della tutela paesaggistica, particolarmente delicato per la rilevanza costituzionale degli interessi pubblici coinvolti.

I giudici di Palazzo Spada, tra le osservazioni formulate, hanno precisato che qualora occorrano sia un’autorizzazione paesaggistica che un permesso di costruzione e c'è disaccordo tra le amministrazioni rispettivamente competenti, è convocata una conferenza di servizi; e che in ogni caso è fatta salva, ove occorrente, la distinta autorizzazione da rilasciare a tutela dei beni di interesse storico, artistico o archeologico.

Infine il Consiglio di Stato ha osservato che anche per gli interventi “liberalizzati”, le disposizioni del decreto hanno immediata applicazione per le regioni a statuto ordinario, laddove le regioni a statuto speciale e le province autonome di Trento e Bolzano hanno l’obbligo di darvi attuazione con proprie disposizioni, secondo i principi statutari.

In allegato il parere del Consiglio di Stato n. 1824.

A cura di Redazione LavoriPubblici.it