Codice appalti: Dall'Ance un comunicato sul decreto relativo alle variazioni dei prezzi dei materiali

Sulla Gazzetta Ufficiale n. 103 del 5 maggio scorso è stato pubblicato il Decreto del Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti 9 aprile 2010 con il qua...

19/05/2010
© Riproduzione riservata
Sulla Gazzetta Ufficiale n. 103 del 5 maggio scorso è stato pubblicato il Decreto del Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti 9 aprile 2010 con il quale, ai sensi dell'art.133, comma 6 del Codice dei Pubblici Contratti, di cui al d.lgs. n. 163/2006, il Ministero ha rilevato le variazione percentuali annuali relative all'anno 2009 dei singoli prezzi dei materiali da costruzione più significativi, ai fini della determinazione delle relative compensazioni.
In particolare, con il D.M. in oggetto il Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti, ai sensi dell'art. 133, comma 4 del decreto legislativo n. 163/2006, ha rilevato:
  • i prezzi medi, per l'anno 2008, relativi ai materiali da costruzione più significativi che hanno subito nell’anno 2009, per effetto di circostanze eccezionali, variazioni percentuali annuali, in aumento o in diminuzione, superiori al 10% (All. 1);
  • le variazioni percentuali, in aumento o in diminuzione, superiori al dieci per cento, verificatesi nell'anno 2009 rispetto ai prezzi medi rilevati nell'anno 2008 (All. 1);
  • i prezzi medi, per l'anno 2007, relativi ai materiali da costruzione più significativi che hanno subito nell'anno 2008, per effetto di circostanze eccezionali, variazioni percentuali annuali, in aumento o in diminuzione, superiori al dieci per cento (All. 2);
  • le variazioni percentuali, in aumento o in diminuzione, superiori al dieci per cento, verificatesi nell'anno 2008 rispetto ai prezzi medi rilevati nell'anno 2007 (All. 2).

Per quanto riguarda le variazioni percentuali rilevate nel Decreto per l'anno 2009 rispetto ai prezzi medi del 2008, si evidenzia che, su 12 materiali considerati, 11 sono in diminuzione.
Pertanto, con riferimento a tali materiali, utilizzati nell'ambito di lavorazioni contabilizzate nel 2009, si profila il rischio concreto di una richiesta di restituzione di somme da parte delle stazioni appaltanti, per le imprese che hanno presentato offerta nell'anno 2008.
Per quanto riguarda, invece, le imprese che hanno presentato offerta nel 2007, il Decreto precisa che, ai fini della determinazione delle compensazioni, occorre fare riferimento ai prezzi medi e alle variazioni percentuali annuali rilevati sia nell'Allegato 1 che nell'Allegato 2, riguardante l'anno 2008 rispetto al 2007.
Per quanto riguarda, poi, le offerte antecedenti al 2007, la compensazione andrà quantificata tenendo conto, in funzione dell'anno di presentazione dell'offerta, oltre che dei dati riportati negli Allegati 1 e 2, anche dei valori rilevati nelle Tabelle allegate ai vari Decreti Ministeriali emanati negli anni precedenti.
Si ricorda che, come disposto dall'articolo 133, comma 6-bis del Codice Appalti, l'appaltatore, a pena di decadenza, ha 60 giorni di tempo dalla pubblicazione del Decreto Ministeriale per presentare istanza di compensazione alla Stazione Appaltante, e che tale termine scadrà il prossimo 4 luglio.
Ci si riserva di fornire ulteriori approfondimenti circa le modalità concrete di quantificazione della compensazione spettante per i materiali impiegati nei lavori contabilizzati nel 2009, prima della scadenza sopra prevista.

Fonte: www.ance.it

Documenti Allegati

Link Correlati

Variazione materiali