Come si misura il rischio di corruzione nelle amministrazioni pubbliche?al via protocollo d'intesa con ANAC

Firmato protocollo d'intesa tra l'Autorità Nazionale Anticorruzione (ANAC), l'Agenzia per la Coesione Territoriale e Dipartimento per le Politiche di Coesion...

23/11/2017
© Riproduzione riservata
Come si misura il rischio di corruzione nelle amministrazioni pubbliche?al via protocollo d'intesa con ANAC

Firmato protocollo d'intesa tra l'Autorità Nazionale Anticorruzione (ANAC), l'Agenzia per la Coesione Territoriale e Dipartimento per le Politiche di Coesione della Presidenza del Consiglio dei Ministri, l'Istat ed i Ministeri dell’Economia, dell’Interno e della Giustizia, per definire e sperimentare un set di indicatori per la misurazione di fenomeni corruttivi.

Il protocollo d’intesa, che punta a sviluppare una metodologia di riferimento in ambito europeo, prevede il raggiungimento dei seguenti obiettivi:

  • promuovere l'attuazione del progetto "Individuazione di indicatori di rischio corruzione e di prevenzione e contrasto nelle amministrazioni pubbliche" che prevede:
    a) la collaborazione alla realizzazione delle attività previste dal Progetto e, in particolare, alla creazione ed alla alimentazione delle banche dati finalizzate a consentire il calcolo degli indicatori;
    b) la partecipazione alla definizione degli indicatori rilevanti, alle fasi della loro individuazione, valutazione, sperimentazione e monitoraggio, così come previsto dalla proposta progettuale:
  • garantire la produzione e la pubblicazione di dati e indicatori statistici su rischio corruzione, prevenzione e contrasto della stessa, a partire dalle elaborazioni di informazioni strutturate fornite in primis dalle Amministrazioni firmatarie, nonché dalle altre istituzioni e organizzazioni che potranno aderire nel tempo al presente Protocollo. Le attività dovranno essere realizzate in maniera da garantire, anche al termine del Progetto che ne sostiene la prima realizzazione, l’aggiornamento periodico delle informazioni alla base del sistema di indicatori individuato che dovrà essere alimentato il più possibile in via automatica e costante, tale da garantirne la effettiva sostenibilità nel tempo sia economica sia organizzativa;
  • sostenere lo sviluppo di ulteriori aree di collaborazione attinenti che le Parti potranno individuare nel corso dell’ attuazione del Progetto.

Un gruppo di lavoro, composto dai vari aderenti e coordinato dall’Anac, lavorerà per disporre una apposita strumentazione analitica in grado di fornire una quantificazione dei rischi e delle misure di contrasto messe in atto dalle varie amministrazioni dello Stato. Per raggiungere tale obiettivo le istituzioni collaboreranno alla creazione di apposite banche dati, che saranno aggiornate con regolarità e rese disponibili tramite piattaforme di libero accesso.

Nel tempo altre Amministrazioni potranno aderire al Protocollo.

A cura di Redazione LavoriPubblici.it

Documenti Allegati