Concorso di progettazione per la Riqualificazione dell'Asse Piazza XXVII Marzo-Piazza Castello di Fossano

A Fossano il 2016 inizia con un concorso di progettazione che porterà alla valorizzazione dell'importante percorso del centro storico che collega piazza Cast...

22/01/2016
© Riproduzione riservata
Concorso di progettazione per la Riqualificazione dell'Asse Piazza XXVII Marzo-Piazza Castello di Fossano

A Fossano il 2016 inizia con un concorso di progettazione che porterà alla valorizzazione dell'importante percorso del centro storico che collega piazza Castello a piazza XXVII Marzo, quella che i fossanesi conoscono con il nome di piazza delle Uova.

L'Amministrazione ricerca proposte progettuali sostenibili, innovative e di design per la riqualificazione e l'arredo di questo spazio urbano. L'intervento dovrà rendere maggiormente fruibili i servizi pubblici e le attività, migliorare la qualità ambientale ed urbana e stimolare la vita sociale di cittadini, studenti, lavoratori e turisti. Per questo si ricercano arredi innovativi ed interattivi in grado di coinvolgere coloro che utilizzano gli spazi pubblici.

Tale iniziativa rientra nel più ampio “Progetto Agorà”, intrapreso dall'Amministrazione fossanese con l'intenzione di dare maggiore valore e qualità alle principali piazze della città. Questo processo ha avuto inizio nel Settembre 2014 con il supporto del Politecnico di Torino (DAD/Laq-tip) e degli studenti di Architettura che, durante il workshop “SpazioUrbanoFossano”, hanno analizzato la città storica e realizzato, anche attraverso l'aiuto dei cittadini, alcune esplorazioni progettuali di rigenerazione degli spazi pubblici.

Oggetto del concorso

Il Comune di Fossano (di seguito definito "Ente banditore") bandisce un concorso di progettazione, con procedura aperta, per la riqualificazione dell'ambito urbano che interessa piazza XXVII Marzo, gli assi di via Garibaldi (da piazza XXVII Marzo a via Roma) e di via Cavour (da via Roma a piazza Castello) e piazza Castello, situati all'interno del centro storico della città, con il fine di affidare al vincitore del concorso la complessiva progettazione preliminare, definitiva ed esecutiva.

Il costo massimo dell'intervento è di €500.000 (comprese le somme a disposizione dell'amministrazione così come definite dall'art.16 comma 1 lettera b del DPR 207/2010). Il costo netto presunto posto a base d'appalto sarà di €400.000 e potrà essere parametrizzato come di seguito indicato, passibile di variazione del +/- 15%:

  • Costo interventi su piazza XXVII MARZO 33%
  • Costo interventi su via CAVOUR 30%
  • Costo interventi su piazza CASTELLO 25%
  • Costo interventi su piazza MANFREDI 7%
  • Costo interventi su via GARIBALDI 5%

Codice CIG: Z5F180190D.

Ente banditore

Comune di Fossano
via Roma 91, 12045 Fossano (CN)
www.comune.fossano.cn.it
Segreteria del concorso: Dipartimento Tecnico Lavori Pubblici – Urbanistica - Ambiente, telefono 0172/699602-603 e fax 0172/699685; e-mail PEC fossano@cert.ruparpiemonte.it
Responsabile del procedimento: Arch. Barra Sergio, sergio.barra@comune.fossano.cn.it.

Il concorso è espletato mediante procedura aperta in unico grado, nella quale si selezioneranno i tre progetti preliminari migliori attraverso una graduatoria. Al vincitore, se in possesso dei requisiti previsti dal presente Bando e da quelli previsti dalla legge in materia, potrà essere affidato l'incarico della progettazione definitiva ed esecutiva tramite procedura negoziata senza bando ai sensi dell'art. 99 comma 5 del D.Lgs. 163/2006 e ss.mm.ii..

Requisiti di partecipazione

Il concorso è aperto ad Architetti ed Ingegneri iscritti nei rispettivi Ordini professionali o Registri professionali dei paesi di appartenenza, abilitati all'esercizio della professione alla data di pubblicazione del presente Bando di concorso ed in possesso dei requisiti di ordine generale di cui all'art.38 del D.Lgs. n.163/2006. Nello specifico sono ammessi a partecipare i soggetti di cui all'art.90, comma 1, lett. d, e, f, f-bis, g e h del D.Lgs. n.163/2006.
I concorrenti possono partecipare singolarmente o in raggruppamenti, prediligendo la presenza di urbanisti e designer all'interno dell'equipe progettuale. In ogni caso i raggruppamenti devono prevedere al loro interno la figura di un architetto. Nel caso quest'ultimo sia iscritto all'albo da meno di 5 anni dalla data di uscita del presente Bando, il raggruppamento potrà godere di un aumento del punteggio pari al 5%, incrementato di un ulteriore 1% per ogni giovane professionista in più avente gli stessi requisiti di cui sopra fino ad un massimo del 3% (Cfr. “Allegato L” del D.P.R. 207/2010).
Nel caso di raggruppamento temporaneo deve essere nominato un capogruppo, unico responsabile e referente nei confronti dell'Ente banditore.
I partecipanti che si avvalgono di consulenti o collaboratori esterni dovranno dichiarare la qualifica e la natura della consulenza o della collaborazione.

Premi, rimborso spese e proprietà degli elaborati

Il Comune di Fossano riconoscerà al vincitore del concorso l'importo di €2.350 a titolo di premio. Qualora l'Amministrazione procedesse ad affidare al professionista o raggruppamento vincitore le successive fasi di progettazione, il premio è da intendersi quale anticipo del compenso per l'incarico professionale. Con tale pagamento l'Ente banditore acquisisce la proprietà del progetto preliminare vincitore.
Al concorrente risultato secondo classificato è riconosciuto, a titolo forfettario, un rimborso spese pari ad €1.500.
Al concorrente risultato terzo è riconosciuto, a titolo forfettario, un rimborso spese pari ad €700.

Schema premi e rimborsi spese:
1° classificato € 2.350
2° classificato € 1.500
3° classificato € 700
totale € 4.550

La liquidazione dei premi e dei rimborsi spese, come sopra determinati, avverrà entro 60 giorni a decorrere dalla data di esecutività del procedimento amministrativo con cui si approvano i lavori della Commissione Giudicatrice. La liquidazione in caso di raggruppamenti di concorrenti avverrà interamente nei confronti del soggetto individuato dagli stessi come capogruppo, con ciò liberando l'Ente banditore da ogni altra responsabilità in ordine alla liquidazione. Premio e rimborsi spese si intendono al lordo di IVA, oneri, ritenute e contributi previsti per legge. Per i progetti, le immagini e tutto il materiale reso disponibile all'Ente banditore è richiesto per la partecipazione che il concorrente si assuma ogni responsabilità conseguente alla violazione dei diritti di brevetto, di autore, di proprietà intellettuale e, in genere, di privativa altrui. La proprietà intellettuale e i diritti di copyright dei progetti presentati sono degli autori concorrenti, ad eccezione del progetto vincitore. L'Ente banditore si riserva il diritto di esporre al pubblico i progetti presentati, di pubblicarli o di consentirne la pubblicazione a scopi di promozione culturale, senza ulteriori oneri per l'amministrazione stessa. Una volta concluso il concorso, i concorrenti potranno liberamente divulgare e pubblicare i loro progetti, con l'impegno a citare il concorso del Comune di Fossano come ambito entro il quale il progetto è stato prodotto.

I concorrenti hanno tempo fino al 16 Marzo 2016 per consegnare presso l'Ufficio Protocollo del Comune le proprie proposte progettuali. Per qualsiasi altra informazione o richiesta scrivere a fossano@cert.ruparpiemonte.it , inserendo come oggetto della mail "Concorso di progettazione".

"Si tratta di un passo importante che modificherà il Centro storico della città - spiega il sindaco Davide Sordella - Un progetto previsto dal Piano Generale di Sviluppo, iniziato con il supporto del Politecnico di Torino e condiviso dai cittadini che nei mesi scorsi hanno partecipato agli incontri di SpazioUrbanoFossano.

E' un progetto ambizioso e coraggioso - prosegue il Sindaco-. Ambizioso perché vuole rilanciare spazi fino ad ora scarsamente valorizzati sotto il profilo dell'arredo urbano e della vivibilità; coraggioso perché la realizzazione dell'intervento comporterà la pedonalizzazione di parte dell'area. Siamo sicuri che la scelta porterà buoni frutti e la pedonalizzazione potrà essere un modo per rilanciare commercio, turismo ed, anche, attività culturali".