Concorso di progettazione per la realizzazione di 6 alloggi e 10 posti auto nel Comune di Dobbiaco

L'Istituto per l’edilizia sociale della Provincia autonoma di Bolzano (IPES) ha bandito un concorso di progettazione, aperto, in forma anonima ed in due grad...

29/09/2017
© Riproduzione riservata
Concorso di progettazione per la realizzazione di 6 alloggi e 10 posti auto nel Comune di Dobbiaco

L'Istituto per l’edilizia sociale della Provincia autonoma di Bolzano (IPES) ha bandito un concorso di progettazione, aperto, in forma anonima ed in due gradi con preselezione ai sensi dell’art. 154, comma 4, (concorsi di progettazione in due gradi) del D.Lgs. n. 50/2016, per la realizzazione di 6 alloggi e 10 posti auto nel Comune di Dobbiaco, zona di espansione “C1 Sulzenhof”.

Il concorso prevede il rispetto dei criteri ambientali minimi di cui all'allegato 2 al D.M. 11 gennaio 2017 (criteri ambientali minimi per l’affidamento di servizi di progettazione e lavori per la nuova costruzione, ristrutturazione e manutenzione di edifici pubblici).

Ente appaltante
Istituto per l’edilizia sociale della Provincia autonoma di Bolzano (IPES) Ufficio Tecnico Est
Via Orazio n. 14
39100 Bolzano
Tel.: +39 0471 906666
info@wobi.bz.it
http://www.ipes.bz.it

Responsabile del procedimento (RUP): Arch. Domenico Russo

CIG 7196920E40 CUP E77E16000000003 CPV

Costo stimato per la realizzazione dell’opera

Il costo netto di costruzione stimato ammonta a 1.200.000,00 euro, oneri della sicurezza inclusi, secondo il programma di costruzione dell’IPES per gli anni 2016-2020 (Delibera della Giunta provinciale n. 1230 del 27.10.2015). Non sono disponibili ulteriori finanziamenti, pertanto tale limite massimo non può essere superato durante l’elaborazione del progetto di fattibilità.

Nella tabella seguente il costo di costruzione stimato viene suddiviso secondo i singoli codici identificativi delle opere, di seguito denominati codici-ID, di cui al Decreto ministeriale 17 giugno 2016:

bando

La suddivisione nelle categorie dei lavori indicate in tabella non è vincolante ai fini dello sviluppo delle proposte progettuali, e costituisce mero parametro di riferimento per l’individuazione dei requisiti speciali tecnico-organizzativi e per il calcolo dell’importo presunto dell’onorario.

Procedura di concorso

Per la elaborazione del progetto di fattibilità per la realizzazione di 6 alloggi e 10 posti auto nel Comune di Dobbiaco, zona di espansione “C1 Sulzenhof”, è stata prescelta la procedura aperta, in forma anonima ed in due gradi con preselezione ai sensi dell’art. 154, comma 4, (concorsi di progettazione in due gradi) del D.Lgs. n. 50/2016.

Il concorso viene indetto come concorso di progettazione nel contesto di una procedura di aggiudicazione di appalti pubblici di servizi ai sensi dell'art. 152, comma 1, lett. a), del D.Lgs. n. 50/2016.

La partecipazione al 1° grado del concorso è aperta a tutti i soggetti di cui al pto. A 3.2 del Disciplinare in possesso dei requisiti di cui ai pti. A 3.3 e A 3.4 e fatti salvi i casi di esclusione di cui al pto. A 3.6.

Gli operatori economici nazionali che intendono partecipare al concorso di progettazione dovranno essere in possesso di un dispositivo di firma digitale in corso di validità rilasciato da un organismo incluso nell’elenco pubblico dei certificatori, accreditati presso l’Agenzia per l’Italia digitale AGID (http://www.agid.gov.it), come previsto all’articolo 29, comma 1, del D.Lgs. n. 82/2005.

In mancanza di una firma digitale gli operatori economici comunitari dovranno essere in possesso di firma elettronica avanzata in corso di validità basata su un certificato qualificato e creato mediante un dispositivo per la creazione di una firma sicura (direttiva 1999/93/CE del 13 dicembre 1999).

Gli operatori economici non residenti in un paese UE presentano la documentazione richiesta per la partecipazione al concorso di progettazione con firma autografa e con allegata copia fotostatica semplice di un documento di riconoscimento valido del sottoscrittore/dei sottoscrittori.

Soggetti ammessi alla partecipazione al concorso

Possono partecipare architetti ed ingegneri in possesso di laurea, che hanno residenza e domicilio in uno Stato membro dell’Unione Europea ovvero dello Spazio Economico Europeo (SEE) o in un paese terzo che sia parte contraente dell’Accordo Generale sul Commercio di Servizi (GATS) dell’Organizzazione Mondiale del Commercio (WTO), abilitati alla data di pubblicazione del bando all’esercizio della professione ed iscritti negli appositi albi previsti dai vigenti ordinamenti professionali secondo le norme dei singoli stati di appartenenza. Se la qualifica professionale nel rispettivo paese di origine o di provenienza non è disciplinata per legge, i requisiti tecnici sono soddisfatti, se i soggetti sono in possesso di un diploma, certificato o altro titolo professionale, il cui riconoscimento sia garantito sulla base della direttiva 2005/36/CE.

Nello specifico sono ammessi alla partecipazione i seguenti soggetti indicati all’art. 46, comma 1, lett. a), b), c), d), e), e f), del D.Lgs. n. 50/2016:

  • professionisti singoli, associati, società tra professionisti, società di ingegneria, consorzi, GEIE, raggruppamenti temporanei fra i predetti soggetti, ivi compresi, con riferimento agli interventi inerenti al restauro e alla manutenzione di beni mobili e delle superfici decorate di beni architettonici, i soggetti con qualifica di restauratore di beni culturali ai sensi della vigente normativa – art. 46, comma 1, lett. a) del D.Lgs. n. 50/2016;
  • società di professionisti – art. 46, comma 1, lett. b) del D.Lgs. n. 50/2016;
  • società di ingegneria – art. 46, comma 1, lett. c) del D.Lgs. n. 50/2016;
  • prestatori di servizi di ingegneria e architettura identificati con i codici CPV da 74200000-1 a 74276400-8 e da 74310000-5 a 74323100-0 e 74874000-6, stabiliti in altri Stati membri – art. 46, comma 1, lett. d), del D.Lgs. n. 50/2016;
  • raggruppamenti temporanei costituiti tra i soggetti di cui alle lett. da a) a d) – art. 46, comma 1, lett. e) del D.Lgs. n. 50/2016;
  • consorzi stabili di società di professionisti e di società di ingegneria, anche in forma mista, - art. 46, comma 1, lett. f) del D.Lgs. n. 50/2016.

È ammessa la partecipazione di dipendenti di Amministrazioni Pubbliche in possesso dei requisiti, previa presentazione di apposita autorizzazione da parte dell’amministrazione di appartenenza. L’autorizzazione dell’amministrazione di appartenenza deve includere anche l’esecuzione dell’incarico successivo in caso di vincita. Trovano applicazione l’art. 24, comma 3, del D.Lgs. n. 50/2016e le disposizioni del D.Lgs. n. 165/2001 e s.m.i..

Premi

La commissione giudicatrice dispone di una somma totale di 17.780,00 euro per l’assegnazione di premi e riconoscimenti a progetti di particolare qualità. Tale importo, arrotondato, corrisponde al corrispettivo stimato per la redazione del progetto di fattibilità.

La determinazione del corrispettivo (escl. contribuiti previdenziali ed assistenziali e IVA) per la elaborazione del progetto di fattibilità avviene sulla base del costo stimato di costruzione e delle disposizioni del D.M. 17 giugno 2016 e della d.g.p. n.1308/2014. Detto corrispettivo si evince dal calcolo di onorario allegato (Tabella 1) che costituisce parte integrante del Disciplinare di concorso.

Tale corrispettivo determinato ai sensi dei suddetti riferimenti normativi ammonta a: 17.762,30 Euro

Il premio corrisposto al vincitore del concorso è considerato come acconto sull'onorario per il progetto di fattibilità che dovrà essere integrato in seguito al concorso di progettazione. Ad avvenuta approvazione del progetto di fattibilità al vincitore verrà pagato l’onorario ricalcolato sulla base dei costi di costruzione specifici del progetto vincitore, decurtato dell’importo del premio corrisposto.

I singoli premi ammontano a:
1° premio: 6.200,00 euro
2° premio: 4.440,00 euro
3° premio: 2.700,00 euro

Per riconoscimenti è disponibile un importo complessivo di 4.440,00 euro. La commissione giudicatrice deciderà in merito all’assegnazione dei riconoscimenti.

Tutti gli importi s’intendono al netto di contributi previdenziali ed assistenziali e dell’IVA.

Affidamento dell’incarico

Per la realizzazione dell’opera al vincitore del concorso verrà richiesto di presentare, sulla base del progetto vincitore e delle disposizioni del D.M. 17 giugno 2016 e della d.g.p. n. 1308/2014, un’offerta per le successive fasi prestazionali, ossia progettazione definitiva ed esecutiva, coordinamento della sicurezza in fase di progettazione nonché direzione dei lavori e coordinamento della sicurezza in fase di esecuzione, per le prestazioni Q previste nelle tabelle 1 e 2 (si rinvia alle ultime pagine del presente Disciplinare di concorso).

L’affidamento dell’incarico avviene mediante procedura negoziata senza previa pubblicazione del bando. A tale scopo il vincitore del concorso è invitato alla negoziazione. Oggetto della trattativa sono:

  • le fasi prestazionali da incaricare (tutti o non tutti i livelli di progettazione; prestazioni quali direzione lavori, arredamento ecc. aggiunte o non aggiunte),
  • la percentuale delle spese (riduzione della percentuale delle spese calcolata ai sensi del D.M. 17 giugno 2016),
  • i termini (termini per l’esecuzione delle diverse fasi prestazionali).

In caso di vincitori ex equo tutti i vincitori verranno invitati a presentare un’offerta e a partecipare alla negoziazione.

Il corrispettivo per la progettazione e il coordinamento della sicurezza in fase di progettazione calcolato sulla base del costo stimato di costruzione e delle prestazioni previste nella tabella 1 ai sensi del D.M. 17 giugno 2016 e della d.g.p. n.1308/2014, ammonta a: 125.078,79 Euro.

L’Ente banditore si riserva la facoltà di conferire al vincitore del concorso anche l’incarico per la direzione dei lavori e il coordinamento della sicurezza in fase di esecuzione. Il corrispettivo per la direzione dei lavori e il coordinamento della sicurezza in fase di esecuzione, calcolato ai sensi del D.M. 17 giugno 2016 e della d.g.p. n.1308/2014 sulla base del costo stimato di costruzione e delle prestazioni previste nella tabella 2, ammonta a: 98.031,17 Euro.

L’Ente banditore si riserva inoltre la facoltà di conferire al vincitore del concorso anche altre prestazioni tecniche accessorie necessarie per la realizzazione del progetto. In caso di realizzazione parziale dell’opera il vincitore del concorso viene incaricato delle prestazioni di cui al comma precedente relative alla sola parte da realizzare.

Il concorrente, ai fini del successivo affidamento dell’incarico, si impegna:

  • di considerare nella successiva progettazione tutte le raccomandazioni e osservazioni della commissione giudicatrice, emerse nell'ambito della valutazione del progetto;
  • di elaborare tutti gli oneri, necessari all'elaborazione del progetto fino all'autorizzazione definitiva dei singoli livelli di progettazione, senza riconoscimento di compensi aggiuntivi;
  • di fornire tutta la documentazione digitale relativa ai singoli livelli di progettazione gratuitamente in formato leggibile, editabile e di uso corrente;
  • di elaborare tutta la documentazione progettuale e le relazioni, se necessario o richiesto dall’amministrazione, in forma bilingue (ted + ita), senza alcun ulteriore compenso.

In aggiunta il concorrente, ai fini del successivo affidamento dell’incarico, garantisce:

  • la sussistenza di condizioni che garantiscano lo scambio di comunicazioni in forma orale e scritta e la redazione della documentazione in lingua italiana e tedesca;
  • la conoscenza della normativa vigente nella Provincia Autonoma di Bolzano in materia di progettazione, affidamento, direzione lavori e esecuzione di lavori pubblici.

Documenti Allegati