Coronavirus Covid-19 l’8/11/2020: In Italia 32.616 nuovi casi con un decremento del 18,07%. I nuovi provvedimenti nazionali e regionali

Sino ad oggi hanno contratto il virus un totale di 935.104 persone delle quali 41.394 sono decedute e 335.074 sono guarite. Attualmente i positivi sono 558.636

di Redazione tecnica - 08/11/2020
© Riproduzione riservata
Coronavirus Covid-19 l’8/11/2020: In Italia 32.616 nuovi casi con un decremento del 18,07%. I nuovi provvedimenti nazionali e regionali

Il numero dei contagiati continua ad auentare ed il Bollettino della Protezione civile di oggi evidenzia che il numero di nuovi casi di Covid-19 si è attestato a 32.616 con un decrementodel 18,07% rispetto al giorno precedente e con un incremento rispetto a quello dell’inizio del mese di settembre (quando il numero dei nuovi casi è stato di 978) di circa il 3971% con la regione Lombardia che, con 6.318 nuovi casi (con un decremento del 45% rispetto a quelli del giorno precedente), continua ad avere una non invidiabile prima posizione in Italia. Seguono, con un numero di nuovi contagiati, evidenziati nel bollettino della Protezione civile del giorno 8 novembre, superiore a 1.000 al giorno Campania. Piemonte, Veneto, Lazio, Toscana, Emila-Romagna e Sicilia.

I dati salienti dell’8 novembre 2020

Dall’inizio dell’epidemia di coronavirus hanno contratto il virus un totale di 935.104 persone delle quali 41.394 sono decedute e 335.074 sono guarite. Attualmente i soggetti positivi sono 504.793.

Il totale dei tamponi effettuati è pari a 17.183.569 con un incremento di 231.673 nell’aggiornamento del 67novembre 2020. I pazienti ricoverati con sintomi sono 26.440, di cui 2.749 in terapia intensiva.

I dati completi sono rilevabili nel bollettino della protezione civile allegato all’articolo.

Incremento dei contagiati dell’8 novembre 2020

Qui di seguito il grafico relativo al numero giornaliero dei contagiati dall’1 settembre 2020 all’aggiornamento di oggi; dal grafico è possibile notare come lo stesso si discosta dalla linea di tendenza (tratteggiata) posizionandosi al di sotto della stessa sino al 22 ottobre; situazione diversa dal 22 ottobre in poi quando il grafico si pone al di sopra della linea di tendenza avendo dal giorno 26 in poi, notevoli incrementi. è opportuno notare come il numero giornaliero dei contagiati che il 12 ottobre era di circa 5.000 è quasi sestuplicato, in meno di un mese, raggiungendo oggi le 32.000 unità e non accennando a diminuire a quasi 15 giorni dalle limitazioni imposte dal previgente dPCM 24/10/2020. In verità è opportuno osservare come il dto odierno, sensibilmente infersiore di quello di ieri sia inficiato, come ogni dmenica, da un minor numero di tampoi effettuati.

Incremento dei ricoverati in terapia intensiva dell’8 novembre 2020

Qui di seguito il grafico relativo al numero giornaliero dei ricoverati in terapia intensiva dall’1 settembre 2020 all’aggiornamento di oggi; dal grafico è possibile notare come lo stesso si discosta dalla linea di tendenza (tratteggiata) posizionandosi al di sotto della stessa sino al 13 ottobre; situazione diversa dal 12 ottobre in poi quando il grafico comincia ad avere un andamento altalenante in prossimità della linea di tendenza, ponendosi al di sopra della stessa ed avendo dal giorno 27 ottobre  in poi, notevoli incrementi. Il numero di ricoverati in terapia intensiva il giorno 12 ottobre era pari a 452 mentre oggi raggiunge il numero di 2.749, oltre 5 volte quello del giorno 12 ottobre. Numero contenuto, negli ultimi tre giorni, dei ricoverati in Terapia intensiva che dopo il picco di 203 ricoverati del 3 novembre sono stati oggi 115.

Incremento dei deceduti dell’8 novembre 2020

Qui di seguito il grafico relativo al numero giornaliero dei deceduti dall’1 settembre 2020 all’aggiornamento di oggi; dal grafico è possibile notare come lo stesso si discosta dalla linea di tendenza (tratteggiata) posizionandosi al di sotto della stessa sino al 26 ottobre; situazione diversa dal 26 ottobre in poi quando il grafico si pone al di sopra della linea di tendenza con un picco il 31 ottobre giorno 27 e numeri sempre notevolmente al di sopra della linea di tendenza dal 3 novembre in poi I deceduti sempre il giorno 12 ottobre erano stati 39 mentre hanno raggiunto oggi il numero di 331 pari oltre a 8 volte quello del 12 ottobre. Da segnalare come oggi il numero dei deceduti sia stato sensibilmente inferiore a quello di ieri quando aveva raggiunto le 425 unità.

I dati nelle Regioni dell’8 novembre 2020

I dati sottoriportati, suddivisi per Regione ed ordinati in riferimento al maggior numero di contagi contenuti nel bollettino della protezione civile di oggi riportano i casi totali (numero di persone trovate positive dall’inizio dell’epidemia con inclusi anche i morti ed i guariti) e tra parentesi sono riportati in pregressione il numero dei nuovi casi di oggi e la percentuale di incremento dei nuovi casi rispetto al totale.

  • Lombardia 260.754 (+6.318, +2,42%)
  • Campania 86.919 (+4.601, +5,29%)
  • Piemonte 97.779 (+3.884, +3,97%)
  • Veneto 79.269 (+3.362, +4,24%)
  • Lazio 65.814 (+2.489, +3,78%)
  • Toscana 62.946 (+2.479, +3,94%)
  • Emilia-Romagna 71.408 (+2.360, +3,30%)
  • Sicilia 31.271 (+1.083, +3,46%)
  • Liguria 36.430 (+886 +2,43%)
  • Bolzano 13.126 (+781, +5,95%)
  • Puglia 25.701 (+766, +2,98%)
  • Umbria 14.939 (+660, +4,42%)
  • Abruzzo 14.519 (+584, +4,02%)
  • Friuli-Venezia-Giulia 14.728 (+504, +3,42%)
  • Marche 18.789 (+502, +2,67%)
  • Sardegna 12.261 (+424, +3,46%)
  • Calabria 7.465 (+365, +4,89%)
  • Basilicata 3.523 (+246, +6,98%)
  • Trento 10.886 (+182, +1,67%)
  • Molise 2.442 (+91, +3,73%)
  • Valle d’Aosta 4.135 (+55, +1,33%)

Bollettino protezione civle dell’8 novembre 2020

In allegato il Bollettino della Protezione civile dell’8 novembre 2020   con tutti i dati relativi all’evolversi dei contagi relativi a tutte le Regioni.

Nuovi provvedimenti nazionali

Per quanto concerne l’aggiornamento sui provvedimenti nazionali, segnaliamo:

Nuovi provvedimenti regionali

Per quanto concerne l’aggiornamento sui provvedimenti emanati dalle Regioni, segnaliamo:

Accedi allo Speciale Coronavirus Covid-19

A cura di Redazione LavoriPubblici.it