Criteri minimi ambientali negli appalti pubblici: in Gazzetta il decreto con l'incremento delle percentuali

Definito l'incremento progressivo della percentuale del valore a base d'asta a cui riferire l'obbligo di applicare le specifiche tecniche e le clausole contr...

09/06/2016
© Riproduzione riservata
Criteri minimi ambientali negli appalti pubblici: in Gazzetta il decreto con l'incremento delle percentuali

Definito l'incremento progressivo della percentuale del valore a base d'asta a cui riferire l'obbligo di applicare le specifiche tecniche e le clausole contrattuali dei criteri ambientali minimi per determinate categorie di servizi e forniture.

È stato, infatti, pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale 07/06/2016, n. 131 il Decreto Ministero dell'Ambiente 24 maggio 2016 recante "Incremento progressivo dell'applicazione dei criteri minimi ambientali negli appalti pubblici per determinate categorie di servizi e forniture" con il quale viene disciplinato

l'incremento progressivo della percentuale del valore a base d'asta a cui riferire l'obbligo di applicare le specifiche tecniche e le clausole contrattuali dei criteri ambientali minimi per i seguenti affidamenti:

  • servizi di pulizia, anche laddove resi in appalti di global service, e forniture di prodotti per l'igiene, quali detergenti per le pulizie ordinarie, straordinarie;
  • servizi di gestione del verde pubblico e forniture di ammendanti, piante ornamentali e impianti di irrigazione;
  • servizi di gestione dei rifiuti urbani;
  • forniture di articoli di arredo urbano;
  • forniture di carta in risme e carta grafica.

Entrando nel dettaglio, per i suddetti affidamenti, l'obbligo delle stazioni appaltanti di inserire nella documentazione di gara almeno le "specifiche tecniche" e le "clausole contrattuali" dei Criteri ambientali minimi si applica in misura non inferiore alle seguenti percentuali del valore dell'appalto, nel rispetto dei termini rispettivamente indicati:

  • il 62% dal 1° gennaio 2017;
  • il 71% dal 1° gennaio 2018;
  • l'84% dal 1° gennaio 2019;
  • il 100% dal 1° gennaio 2020.

Fino alla data del 31 dicembre 2016 le amministrazioni sono comunque tenute a rispettare almeno la percentuale del 50% del valore a base d'asta a cui è riferire l'obbligo di applicare le specifiche tecniche e le clausole contrattuali dei criteri ambientali minimi.

Resta in ogni caso fatto salvo che, nei limiti della percentuale del 100%, le amministrazioni possono applicare incrementi percentuali superiori a quelli disciplinati dal presente decreto.

A cura di Redazione LavoriPubblici.it

Tag:

Documenti Allegati