DLGS 81: TUTTE LE MODIFICHE APPORTATE AL TESTO UNICO SICUREZZA LAVORO

L’entrata in vigore del decreto legislativo 9 aprile 2008, n. 81 recante "Attuazione dell’articolo 1 della legge 3 agosto 2007, n. 123, in materia di tutela ...

01/10/2009
© Riproduzione riservata
L’entrata in vigore del decreto legislativo 9 aprile 2008, n. 81 recante "Attuazione dell’articolo 1 della legge 3 agosto 2007, n. 123, in materia di tutela della salute e della sicurezza nei luoghi di lavoro", pubblicato sul supplemento ordinario n. 108 alla Gazzetta ufficiale n. 101 del 30 aprile 2008, ha mandato in pensione, tra l’altro, i decreti legislativi n. 626/1994, n. 493/1996 e n. 494/1996 e provveduto al riassetto e alla riforma di tutte le norme inerenti la sicurezza nei luoghi di lavoro.

Ma, dalla sua pubblicazione, avvenuta in realtà in un contesto politico abbastanza complicato (ricordiamo che in quel periodo stava cadendo il Governo Prodi), il dlgs 81/2008 ha subito ulteriori modifiche ed integrazioni, ultime delle quali apportate dal Decreto legislativo 3 agosto 2009, n. 106 recante "Disposizioni integrative e correttive del decreto legislativo 9 aprile 2008, n. 81, in materia di tutela della salute e della sicurezza nei luoghi di lavoro", approvato dal Consiglio dei Ministri n. 58 del 31 luglio 2009, pubblicato sul supplemento ordinario n. 142/L alla Gazzetta ufficiale n. 180 del 5 agosto 2009 ed entrato in vigore il 20 agosto 2009.

Di seguito tutte le modifiche apportate.
- L’art. 4, commi 2 e 2 bis, della Legge 2 agosto 2008, n. 129 recante "Conversione in legge, con modificazioni, del decreto legge 3 giugno 2008, n. 97, recante disposizioni urgenti in materia di monitoraggio e trasparenza dei meccanismi di allocazione della spesa pubblica, nonché in materia fiscale e di proroga ei termini" ha modificato gli artt. 18, 41 e 306 del dlgs 81/2008, differendo all’1 gennaio 2009 gli obblighi previsti dai relativi articoli.

- Gli artt. 39, comma 12, e 41, commi 11 e 12, della Legge 6 agosto 2008, n. 133 recante "Conversione in legge, con modificazioni, del decreto legge 25 giugno 2008, n. 112, recante disposizioni urgenti per lo sviluppo economico, la semplificazione, la competitività, la stabilizzazione della finanza pubblica e la perequazione tributaria" ha modificato gli artt. 14 e 55 del dlgs 81/2008, modificando il regime sanzionatorio per il datore di lavoro e il dirigente conseguenti alla violazione delle norme generali sulla salute e sicurezza dei lavoratori.

- L’art. 32 della Legge 27 febbraio 2009, n. 14 recante "Conversione in legge, con modificazioni, del decreto legge 30 dicembre 2008, n. 207, recante proroga dei termini previsti da disposizioni legislative e disposizioni finanziarie urgenti" (decreto milleproroghe) ha modificato gli artt. 3 (campo di applicazione), 18 (obblighi del datore di lavoro e del dirigente), 41 (sorveglianza sanitaria) e 306 (disposizioni finali) del dlgs 81/2008.

- L’art. 39 della Legge 7 luglio 2009, n. 88 recante "Disposizioni per l’adempimento di obblighi derivanti dall’appartenenza dell’Italia alla Comunità Europee" (Comunitaria 2008) ha modificato gli artt. 90 (Obblighi del committente e del responsabile dei lavori) e 91 (Obblighi del coordinatore per la progettazione) del dlgs 81/2008, relativi al Titolo IV (Cantieri temporanei e mobili).

- Infine, il Decreto legislativo 3 agosto 2009, n. 106 recante "Disposizioni integrative e correttive del decreto legislativo 9 aprile 2008, n. 81, in materia di tutela della salute e della sicurezza nei luoghi di lavoro". Il decreto consta di 149 articoli che intervengono sul dlgs 81/2008 cercando di raggiungere due obiettivi:
  • correggere i molti errori materiali e tecnici presenti nella attuale disciplina - approvata, come noto, a Camere oramai sciolte e in tutta fretta - alcuni dei quali suscettibili di ricadute gravi sulla salute e sicurezza dei lavoratori;
  • superare le difficoltà operative, le criticità e le lacune evidenziate dai primi mesi di applicazione delle nuove regole.
Per quanto riguarda il dettaglio delle modifiche apportate dal dlgs 106/2009 si rimanda al Focus Sicurezza - Dlgs 106/09.

Accedi al Focus Sicurezza - Dlgs 106/09.