La Sicurezza delle Opere di ingegneria richiede un controllo delle strutture

Esiste un bisogno reale, su scala internazionale, di strumenti che permettano la sorveglianza automatica e permanente all’interno delle strutture stesse, for...

05/11/2018
© Riproduzione riservata
La Sicurezza delle Opere di ingegneria richiede un controllo delle strutture

Esiste un bisogno reale, su scala internazionale, di strumenti che permettano la sorveglianza automatica e permanente all’interno delle strutture stesse, fornendo risultati di grande precisione e buona risoluzione spaziale.

In questa ottica, il concetto di struttura Intelligente, dall’inglese "smart structure" ha già provato la sua efficacia in vari campi dell’ingegneria con i sistemi di monitoraggio strutturale di tipo laser-scan, satellitare e con sensori a fibre ottiche. Proprio i sensori a fibre ottiche rappresentano la soluzione per i problemi di staticità delle opere di ingegneria in quanto sono in grado di monitorare le strutture senza soluzione di continuità, fornendo in tempo reale gli elementi necessari ai tecnici per valutare lo stato di eventuale crisi statica e conseguente pericolo per le persone e le cose.

Le fibre ottiche rendono le strutture edilizie "smart" e sicure perché capaci di prevenire con largo anticipo (mesi se non addirittura anni) l’innesco di crisi statiche, pericolose per le persone e le cose. A L’Aquila nel centro storico, un imponente e prestigioso fabbricato, "Palazzo Mannetti" è stato il primo edificio nella ricostruzione post-sisma ad essere monitorato strutturalmente con sensori a fibre ottiche, senza soluzione di continuità. Nel Comune di Rocca D’Arce nel frusinate i versanti in frana, colpiti da dissesto statico, sono monitorati con un sistema di sensori a fibre ottiche. La Chiesa di Santa Maria Goretti di Villaba nel Comune di Guidonia è monitorata con sensori a fibre ottiche e anche la Chiesa di Santa Maria delle Grazie nella frazione di Colleposta - Accumoli è monitorata con una serie di sensori a fibre ottiche incollate sui muri esterni. Tecnici di ENEA tengono sotto controllo l’evoluzione degli stati tensionali all’interno degli acciai e delle murature.

Si riporta in allegato schemi funzionali sulle attività in corso.

A cura di Ing. Diego Dell'Erba