Regione Siciliana: Circolare sui nuovi criteri di aggiudicazione degli appalti

Il Dipartimento Regionale Tecnico dell’Assessorato delle Infrastrutture e della mobilità della Regione Siciliana ha recentemente inviato alle stazioni appalt...

14/08/2015
© Riproduzione riservata
Regione Siciliana: Circolare sui nuovi criteri di aggiudicazione degli appalti
Il Dipartimento Regionale Tecnico dell’Assessorato delle Infrastrutture e della mobilità della Regione Siciliana ha recentemente inviato alle stazioni appaltanti, agli U.R.E.G.A. ai liberi Consorzi ed ai Comuni Circolare prot. 55768/DRT del 31 luglio 2015 recante “Circolare esplicativa della Legge regionale l0 luglio 2015 n. 14”.
Ricordo che con la Legge regionale 10 luglio 2015, n. 14 il Governo regionale, preso atto della facoltà, già contemplata dall 'articolo 19 della vigente Legge regionale 12 luglio 2011, n. 12, di applicare, nel caso in cui il criterio di aggiudicazione sia quello del prezzo più basso e sino al 31 dicembre 2015, per gli appalti di lavori, servizi o forniture che non abbiano carattere transfrontaliero il criterio dell'esclusione automatica delle offerte che presentano una percentuale di ribasso pari o superiore alla soglia di anomalia, ha introdotto una modifica per la determinazione della soglia di anomalia.

Il Dipartimento regionale tecnico, al fine di esplicitare con chiarezza le modifica introdotta, ha individuato il seguente ordine delle operazioni da eseguire per la determinazione della soglia di anomalia:
  • 1) esclusione in misura del 10% arrotondato all'unità superiore, delle offerte ammesse di maggior ribasso e di minor ribasso (cd taglio delle ali);
  • 2) calcolo della media aritmetica dei ribassi percentuali di tutte le offerte ammesse dopo l'esclusione del l 0% (cd . taglio delle ali);
  • 3) somma di tutti i ribassi delle offerte ammesse ;
  • 4) se la prima cifra, dopo la virgola, della somma dei ribassi di cui al punto 3) è un numero PARI, la media aritmetica calcolata al punto 2) viene incrementata di un valore percentuale , pari alla stessa cifra, calcolato sulla media aritmetica. Pertanto la media aritmetica incrementata determina la soglia di anomalia;
  • 5) se la prima cifra, dopo la virgola, della somma dei ribassi di cui al punto 3) è un numero DISPARI , la media aritmetica calcolata al punto 2) viene decrementata di un valore percentuale , pari alla stessa cifra, calcolato sulla media aritmetica. Pertanto la media aritmetica decrementata determina la soglia di anomalia;
  • 6) se la prima cifra, dopo la virgola, della somma dei ribassi di cui al punto 3) è ZERO la media aritmetica calcolata al punto 2) rimane tale e determina la soglia di anomalia;
  • 7) l'aggiudicazione è disposta in favore dell'offerta che più si avvicina per difetto alla soglia di anomalia come determinata ai superiori punti 4) ovvero 5) ovvero 6).

Per una migliore comprensione nella Circolare sono riportati 3 esempi relativi al calcolo della soglia di anomalia .
In tutti e tre gli esempi per la celebrazione di una gara pervengono n. 30 offerte e si procede con il taglio delle ali nella misura del 10% e, pertanto, vengono escluse n. 3 offerte con maggior ribasso e n. 3 con minore ribasso, rimanendo 24 offerte in gara.

Primo esempio: prima cifra pari dopo la virgola della somma dei ribassi successivamente all’esclusione del 10%.
Si procede quindi alla somma dei ribassi delle 24 offerte ammesse e supponendo che la stessa sia pari a 440,8421, si effettua il calcolo della media aritmetica dei ribassi percentuali di tutte le offerte ammesse dopo il taglio delle ali e si ottiene un valore pari a 18,3684, ricordando che, in presenza di ribassi identici, questi verranno computati una sola volta.
Dal momento che, la prima cifra dopo la virgola della somma dei ribassi ammessi, è pari (440,8421), la media aritmetica (18,3684) viene incrementata dal valore percentuale risultante dall'8% calcolato sulla stessa media aritmetica (18,3684 x 8/100 = 1,4695) e, quindi, il valore della soglia di anomalia risulterà dalla somma 18,3684 + 1,4695 = 19,8379.
L'aggiudicazione viene fatta all 'offerta che più si avvicina per difetto, alla soglia di anomalia così ottenuta.

Secondo esempio: prima cifra dispari dopo la virgola della somma dei ribassi successivamente all’esclusione del 10%.
Si procede quindi alla somma dei ribassi delle 24 offerte ammesse e supponendo che essa sia pari a 443,9616 , si effettua il calcolo della media aritmetica dei ribassi percentuali di tutte le offerte ammesse dopo il taglio delle ali e si ottiene un valore pari a 18,4984, ricordando che, in presenza di ribassi identici, questi verranno computati una sola volta.
Dal momento che, la prima cifra dopo la virgola della somma dei ribassi ammessi, è dispari (443,9616), la media aritmetica (18,4984) viene decrementata dal valore percentuale risultante dal 9% calcolato sulla stessa media aritmetica (18,4984 x 9/l 00 = 1,6648). Quindi il valore della soglia di anomalia risulterà dalla differenza 18,4984 - l ,6648 = 16,8336.
L'aggiudicazione viene fatta all 'offerta che più si avvicina per difetto, alla soglia di anomalia così ottenuta.
Nel caso in cui il valore della soglia di anomalia così determinata risulta inferiore all'offerta di minor ribasso ammessa, la gara si aggiudica a quest'ultima.

Terzo esempio: prima cifra zero dopo la virgola della somma dei ribassi successivamente all’esclusione del 10%.
Si procede quindi alla somma dei ribassi delle 24 offerte ammesse dopo il taglio delle ali, supponendo che essa sia pari a 436,0021, si effettua il calcolo della media aritmetica dei ribassi percentuali di tutte le offerte ammesse dopo il taglio delle ali e si ottiene un valore pari a 18,1668, ricordando che, in presenza di ribassi identici, questi verranno computati una sola volta.
Dal momento che, la prima cifra dopo la virgola della somma dei ribassi ammessi , è zero (436,0021), la media aritmetica rimane tale senza alcun incremento o decremento e rappresenta la soglia di anomalia e l'aggiudicazione avviene all'offerta che più si avvicina per difetto alla soglia di anomalia così ottenuta.

A cura di arch. Paolo Oreto -

Link Correlati

I nuovi criteri