Regione siciliana: Circolare, Decreto dirigenziale ed Avviso per l’Ufficio regionale Gare

Dopo la pubblicazione sulla Gazzetta della Regione siciliana n. 5 del 3 febbraio 2017 della legge regionale 26 gennaio 2017 n. 1 recante “Modifiche alla legg...

07/03/2017
© Riproduzione riservata
Regione siciliana: Circolare, Decreto dirigenziale ed Avviso per l’Ufficio regionale Gare

Dopo la pubblicazione sulla Gazzetta della Regione siciliana n. 5 del 3 febbraio 2017 della legge regionale 26 gennaio 2017 n. 1 recante “Modifiche alla legge regionale 12 luglio 2011, n. 12 e alla legge regionale 17 maggio 2016, n. 8 in materia di UREGA” con cui vengono snellite le attività di espletamento delle gare affidate all'UREGA allineandole alle disposizioni contenute nel D.Lgs 18 aprile 2016 n. 50 come recepito dinamicamente dall'articolo 24 della legge regionale 17 maggio 2016 n. 8, il Dipartimento regionale tecnico, sempre relativamente all’UREGA, ha pubblicato:

La Circolare prot. 33295 del 13/2/2017, inviata a tutte le stazioni appaltanti detta prime direttive e disposizioni applicative relativamente alla legge regionale n. 1/2017 e precisa che per i bandi non ancora pubblicati, le Stazioni appaltanti applicheranno l'articolo 9 della legge regionale 12 luglio 2011 n. 12, nel testo sostituito dall'articolo 1, comma 3, della legge regionale 26 gennaio 2017 n. 1, al fine di individuare la competenza dell'UREGA (importo ancorato alla soglia di cui all'articolo 95 comma 4 lettera a) del D.Lgs 50/2016, attualmente pari ad € 1.000.000,00). Le Sezioni Provinciali dell'UREGA, per le gare di loro comptenza, nell'espletare gli adempimenti di cui all'articolo 16 del Decreto Presidente della Regione Siciliana 31 gennaio 2012 n. 13, ove siano in corso le procedure di istruttoria, dovranno adeguare i bandi ed i disciplinari di gara alle nuove disposizioni di legge.

Per i bandi pubblicati entro il 3 febbraio 2017 relativamente ad appalti di servizi o forniture ovvero di lavori, nel caso di aggiudicazione con il criterio dell’offerta economicamente più vantaggiosa per il sorteggio dei Componenti "esperti" finalizzato alla composizione delle Commissioni, si applicherà il previgente articolo 8.

Per i bandi inerenti gli appalti di lavori pubblicati a decorrere dal 4 febbraio 2017, si applicherà l'articolo 8, nel test6.novellato dalla legge regionale 26 gennaio 2017 n. 1, che prevede per gli appalti di lavori un importo ancorato alla soglia individuata dall'articolo 95 comma 4 lettera a) del D.Lgs 5012016, attualmente pari ad €. 1.000.000,00.

Per i bandi inerenti gli appalti di servizi e forniture pubblicati a decorrere dal 4febbraio 2017 si applicherà l'articolo 8 nel testo novellato dalla legge regionale 26 gennaio 2017 n. 1 sino alla concreta attivazione dell'Albo nazionale dei componenti delle commissioni giudicatrici previsto dall'articolo 78 del D.Lgs. n. 50/2016; successivamente all'istituzione di tale Albo da parte di ANAC, per la composizione delle commissioni giudicatrici si applicherà la normativa nazionale di cui all'articolo 77 del D.Lgs. n. 50/2016.

Il Dirigente generale del Dipartimento tecnico della Regione siciliana ing. Vincenzo Palizzolo ha, poi, con decreto n. 34 del 17/2/2017, disposto l’istituzione dell’Albo di cui all’articolo 1, comma 4 della legge regionale n. 1/2017 in cui sono iscritti d’ufficio i componenti di cui all’articolo 9, comma 7, lettere a) e b) della legge regionale 12 luglio 2011, n. 12 e i dirigenti tecnici in servizio presso le sezioni territoriali dell’UREGA nonché, previa verifica del curriculum professionale, i dirigenti tecnici in servizio presso gli uffici del Genio civile e presso i servizi territoriali del Dipartimento regionale della protezione civile ed i dirigenti tecnici dell’Amministrazione regionale che ne facciano richiesta.

Per ultimo il Dirigente regionale del Dipartimento regionale tecnico il 17 febbraio 2017 ha disposto la pubblicazione dell’avviso pubblico per l'istituzione dell'Albo dei Presidenti della commissione giudicatrice per la valutazione delle offerte, dal punto di vista tecnico ed economico, nel caso diprocedure di gara per l'appalto di lavori pubblici da svolgersi con il criterio dell'offerta economicamente più vantaggiosa.

A cura di Redazione LavoriPubblici.it