Riqualificazione dell’area di Bagnoli, cabina di regia con il premier Gentiloni

  "La Regione Campania condivide i contenuti essenziali del progetto di riqualificazione dell’area di Bagnoli, e indica tre questioni che bisognerà approf...

16/08/2017
© Riproduzione riservata
Riqualificazione dell’area di Bagnoli, cabina di regia con il premier Gentiloni

 

"La Regione Campania condivide i contenuti essenziali del progetto di riqualificazione dell’area di Bagnoli, e indica tre questioni che bisognerà approfondire nelle prossime settimane".

Lo ha dichiarato il Presidente della Regione Campania Vincenzo De Luca nel suo intervento alla cabina di regia su Bagnoli, alla presenza anche del premier Paolo Gentiloni.

"La prima - continua De Luca - riguarda la definizione puntuale delle responsabilità e delle competenze di ognuno dei soggetti interessati al progetto Bagnoli. La Regione è interessata ad avere un quadro chiaro e definito delle responsabilità delle competenze ritenendo di dover tutelare pienamente le proprie competenze, Il secondo punto riguarda l’area della bonifica, che rimane nelle competenze commissariali. Competenze che per quanto ci riguarda, fuori dell’area di rilevanza nazionale, dovranno rimanere affidate alle istituzioni territoriali. Terzo punto, vi è una cifra che preoccupa la Regione Campania, quella dei 150 milioni per i quali siamo fortemente esposti".

"L'insieme degli interventi che sono stati finanziati con i fondi europei (Parco dello Sport, Porta del parco, Turtle Point) - precisa il Presidente della Regione Campania - non sono collaudabili perché sostanzialmente devastati, e non sono rendicontabili all’Unione europea. Rischiamo cioè, concretamente di avere un de-finanziamento di 150 milioni".

"Questo - afferma De Luca - è un punto che va sciolto, probabilmente con una interlocuzione diretta tra Governo e Unione Europea, segnalando la eccezionalità del problema e la vicenda del sequestro delle aree. Ma la questione non può essere accantonata. Infine per quanto riguarda le infrastrutture, che ci riguardano direttamente sul fronte dei sistemi idrici e della mobilità, la Regione rinvia agli approfondimenti tecnici da fare con i ministeri competenti. Ma bisogna sapere che si tratta di interventi che a secondo delle scelte vanno in un range tra i 200 milioni e il miliardo di euro".

"È del tutto evidente - conclude il Presidente De Luca - che senza queste risorse, che oggi non ci sono, e diventa problematico immaginare avviare gli interventi di realizzazione delle infrastrutture. Occorrerà fare delle scelte, valutando anche costi e benefici. In ogni caso oggi è stato fatto un passo importante, decisivo, e comunque il presupposto essenziale per entrare concretamente nel merito di un intervento, quello su Bagnoli, che la Regione Campania considera strategico".

A cura di Redazione LavoriPubblici.it