Servizi di architettura e di ingegneria: Linee guida del CNAPPC

Il CNAPPC con la circolare n. 36 del 16 marzo 2013 indirizzata all’Associazione comuni italiani (ANCI), a tutte le stazioni appaltanti d’Italia e per conosce...

20/03/2015
© Riproduzione riservata
Il CNAPPC con la circolare n. 36 del 16 marzo 2013 indirizzata all’Associazione comuni italiani (ANCI), a tutte le stazioni appaltanti d’Italia e per conoscenza ai Consigli degli Ordini degli Architetti PPC d’Italia ha comunicato che l’Autorità Nazionale Anticorruzione (ANAC) con determinazione n°4 del 25 febbraio 2015, ha emanato le nuove “Linee Guida per l’affidamento dei servizi attinenti all’architettura e all’ingegneria” con l’obiettivo di superare una serie di criticità dell’attuale quadro normativo da tempo denunciate dai professionisti italiani.

Qui di seguito alcuni atti di indirizzo tratti dalla citata determinazione dell’ANAC ed evidenziati nella circolare del CNAPPC:
  • viene prescritto l’obbligo per le stazioni appaltanti di calcolare l’importo da porre a base di gara negli affidamenti di servizi di architettura e ingegneria applicando il DM 143/2013;
  • viene esteso anche alle procedure di appalto integrato,il suddetto obbligo di calcolare il compenso del professionista, applicando il DM 143/2013;
  • vengono affrontate le criticità relative all’applicazione dell’art. 263, comma 1, lettere b) e c), del Regolamento;
  • vengono superati i dubbi derivanti dalla sovrapposizione del Codice dei contratti – art. 41, comma 2 – con il Regolamento di attuazione - art. 263, comma 1, lettera a) - in merito ai requisiti del fatturato;
  • viene chiarito che le stazioni appaltanti non possono richiedere alcuna cauzione, provvisoria o definitiva, per partecipare a una gara d’appalto avente ad oggetto la redazione della progettazione e del piano di sicurezza;
  • viene ribadito che nei concorsi, “siano essi di progettazione o di idee, è necessario adottare criteri di valutazione di carattere essenzialmente qualitativo e specificamente legati al progetto, sulla base degli obiettivi stabiliti dal documento preliminare alla progettazione”. In particolare l’Autorità ricorda che non possono essere previsti nella fase di prequalifica elementi di natura economica.

In allegato la circolare del CNAPPC n. 36 del 16/3/2015 e la determinazione n. 4 del 25/2/2015

A cura di gabriele Bivona

Link Correlati

Nuove Linee guida