Terremoto centro-Italia: dalle Entrate le regole per fruire del credito d'imposta

Sono state pubblicate dall'Agenzia delle Entrate le istruzioni per fruire del credito d'imposta erogato, con le modalità del finanziamento agevolato, per far...

07/11/2016
© Riproduzione riservata
Terremoto centro-Italia: dalle Entrate le regole per fruire del credito d'imposta

Sono state pubblicate dall'Agenzia delle Entrate le istruzioni per fruire del credito d'imposta erogato, con le modalità del finanziamento agevolato, per far fronte ai danni causati dagli eventi sismici dello scorso 24 agosto.

Con provvedimento firmato il 4 novembre 2016 e recante "Modalità di fruizione del credito d’imposta in caso di accesso ai finanziamenti agevolati per far fronte a diverse tipologie di interventi e di danni, ai sensi dell’articolo 5, comma 5, del decreto-legge del 17 ottobre 2016, n. 189", il Direttore dell'Agenzia delle Entrate ha previsto che il credito d'imposta sia utilizzato dal beneficiario per corrispondere le rate di rimborso del finanziamento stesso.

Compensazione o cessione del credito - Nei casi in cui i contribuenti abbiano ottenuto il finanziamento agevolato, è previsto che il pagamento delle corrispondenti rate per il rimborso dello stesso avvenga tramite l'utilizzo del credito d'imposta maturato dal beneficiario. I soggetti finanziatori provvedono a recuperare gli importi tramite compensazione, a partire dal giorno successivo alla scadenza di ogni singola rata di restituzione del finanziamento, o mediante cessione del credito, da indicare nella dichiarazione dei redditi relativa al periodo in cui è avvenuta la cessione.

La trasmissione dei dati - I soggetti che hanno erogato i finanziamenti comunicano all'Agenzia delle Entrate, esclusivamente in via telematica, gli elenchi dei beneficiari, l'ammontare dei finanziamenti concessi, il numero e l'importo delle singole rate, i dati di eventuali risoluzioni. L'invio di questi dati avverrà secondo modalità e termini approvati con un successivo provvedimento dell'Agenzia

A cura di Redazione LavoriPubblici.it