Caro materiali e appalti pubblici: da quando opera la clausola di revisione prezzi?

In caso di presentazione dell'offerta dopo il 31 dicembre 2021 si applica quanto previsto dall'art. 26 del Decreto Aiuti? Ecco la risposta dell'esperto

© Riproduzione riservata
Caro materiali e appalti pubblici: da quando opera la clausola di revisione prezzi?

Sono risultato aggiudicatario di un appalto di lavori. Il bando è del 29 novembre 2021, il termine di presentazione dell’offerta era il 9 gennaio 2022. Il contratto è stato firmato nel marzo 2022. Come posso chiedere la revisione dei prezzi?

L'esperto risponde

Le date riferite alla pubblicazione del bando e al termine di presentazione dell’offerta consentono di desumere che nel caso di specie non trovi applicazione l’aggiornamento dei prezzi dei SAL di cui all’art. 26 del d.l. 50/2022 (il cui campo di applicazione è legato all’offerta il cui termine finale di presentazione è il 31.12.2021), né la clausola di revisione prezzi obbligatoria (il cui campo di applicazione è legato ai bandi o agli inviti successivi al 27.1.2022). 

Di conseguenza, salvo eventuali novità normative, l’unico istituto applicabile al caso di specie risulta essere la variante c.d. “in diminuzione” di cui all’art. 7, commi 2-ter e 2-quater del d.l. 36/2022, fatte salve tutte le verifiche del caso circa la possibilità di attivare dei rimedi di carattere ordinario.

Accedi alla sezione "L'esperto risponde" e invia i tuoi quesiti sul caro materiali negli appalti pubblici.