Caro materiali e definizione prezzi di un appalto: quale prezzario applicare?

In fase di redazione di un progetto per un appalto di esecuzione di lavori pubblici, come considerare i rincari dei prezzi rispetto al prezzario regionale? Ecco la risposta dell'esperto

© Riproduzione riservata
Caro materiali e definizione prezzi di un appalto: quale prezzario applicare?

Devo redigere oggi un progetto per un appalto di esecuzione di lavori pubblici. Come devo considerare i rincari dei prezzi rispetto ai prezzi del prezzario regionale?

L'esperto risponde

Ai fini della progettazione bisogna considerare i prezziari aggiornati. In base all’art. 26, comma 3 del d.l. n. 50/2022, ai fini della determinazione del costo dei prodotti, delle attrezzature e delle lavorazioni in sede di progettazione, le stazioni appaltanti adottano i prezzari infrannuali aggiornati al 31.7.2022 in forza del comma 2 dell’art. 26 del d.l. n. 50/2022. Il successivo comma 6 prevede che le gare bandite sino al 31 dicembre 2022 devono porre a base di gara il prezzario aggiornato a luglio 2022.

L’utilizzo dei prezzari aggiornati da parte delle stazioni appaltanti ai fini della progettazione costituisce un principio generale sancito anche dall’art. 23, comma 16 del d.lgs. n. 50/2016, la cui deroga deve essere ragionevolmente motivata.

Accedi alla sezione "L'esperto risponde" e invia i tuoi quesiti sul caro materiali negli appalti pubblici.