Cartelle esattoriali: prorogati i termini di pagamento

Con la legge di Bilancio 2022 è stato confermato un termine più ampio per il pagamento, senza interessi di mora

di Redazione tecnica - 05/01/2022
© Riproduzione riservata
Cartelle esattoriali: prorogati i termini di pagamento

Cartelle esattoriali: il Fisco non perdona, ma mostra clemenza. C’è infatti più tempo per il pagamento, senza interessi di mora, delle cartelle che saranno notificate dall’Agente di riscossione tra il 1° gennaio e il 31 marzo 2022.

Pagamento cartelle esattoriali: sei mesi di proroga

Lo conferma Fisco Oggi, la rivista telematica dell’Agenzia delle Entrate, rispondendo a un contribuente sulle nuove previsioni dettate dalla Legge di Bilancio 2022 per il pagamento delle cartelle esattoriali. In particolare, il comma 913 dell'art. 1 estende il termine per l'adempimento dell’obbligo risultante dal ruolo portandolo, per le cartelle notificate dal 1° gennaio al 31 marzo 2022, da 60 a 180 giorni.

Ricordiamo che l’articolo 25, comma 2, del D.P.R. n. 602/1973, stabilisce che la cartella di pagamento, redatta in conformità al modello approvato con decreto del Ministero delle finanze, contiene l'intimazione ad adempiere l'obbligo risultante dal ruolo entro il termine di sessanta giorni dalla notificazione, con l'avvertimento che, in mancanza, si procederà ad esecuzione forzata.

I successivi articoli 30 e 50 dello stesso D.P.R. n. 602/1973 chiariscono inoltre che decorso inutilmente tale termine sulle somme iscritte a ruolo, esclusi le sanzioni pecuniarie tributarie e gli interessi, si applicano, a partire dalla data della notifica della cartella e fino alla data del pagamento, gli interessi di mora al tasso determinato annualmente con decreto del Ministero delle finanze con riguardo alla media dei tassi bancari attivi e il concessionario procede ad espropriazione forzata, salve le disposizioni relative alla dilazione ed alla sospensione del pagamento.

La proroga di sei mesi viene stabilita in continuità con le previsioni dell'art. 2 del D.L. n. 146/2021 (Misure urgenti in materia economica e fiscale, a tutela del lavoro e per esigenze indifferibili) che aveva fissato in 150 giorni il termine di pagamento per le cartelle notificate nel periodo compreso tra il 1° settembre e il 31 dicembre 2021, diventati poi 180 con la legge n. 215/2021 di conversione del decreto.

Da aprile 2022 solo 60 giorni per i pagamenti 

Niente da fare per le cartelle di pagamento che saranno notificate a partire dal 1° aprile 2022: in questo caso verrà ripristinato il termine ordinario di 60 giorni dalla data di notifica.