Decreto Aiuti-bis: Pubblicata sulla Gazzetta ufficiale la legge di conversione

Entrano in vigore oggi, con l’articolo 33-ter del provvedimento, le modifiche per riaprire il mercato dei crediti edilizi

di Redazione tecnica - 22/09/2022
© Riproduzione riservata
Decreto Aiuti-bis: Pubblicata sulla Gazzetta ufficiale la legge di conversione

Entra in vigore oggi la legge 21 settembre 2022, n. 142 recante “Conversione in legge, con modificazioni, del decreto-legge 9 agosto 2022, n. 115, recante misure urgenti in materia di energia, emergenza idrica, politiche sociali e industriali” pubblicata sulla Gazzetta ufficiale n. 221 del 21 settembre 2022.

Sulla stessa gazzetta ufficiale è stato, anche, pubblicato il testo del decreto-legge 9 agosto 2022, n. 115 coordinato con le modifiche introdotte dalla legge di conversione.

L’articolato del decreto-legge coordinato

Gli articoli del decreto-legge così coordinato sono i seguenti:

  • art. 1 - Rafforzamento dei bonus sociali per energia elettrica e gas
  • art. 2 - Disposizioni per la tutela dei clienti vulnerabili nel settore del gas naturale
  • art. 3 - Sospensione delle modifiche unilaterali dei contratti di fornitura di energia elettrica e gas naturale
  • art. 4 - Azzeramento degli oneri generali di sistema nel settore elettrico per il quarto trimestre 2022.
  • art. 5 - Riduzione dell’IVA e degli oneri generali nel settore delgas per il quarto trimestre 2022
  • art. 6 - Contributo straordinario, sotto forma di credito d’imposta, a favore delle imprese per l’acquisto di energia elettrica e gas naturale
  • art. 7 - Credito di imposta per l’acquisto di carburanti per l’esercizio dell’attività agricola e della pesca
  • art. 8 - Disposizioni in materia di accisa e di imposta sul valore aggiunto su alcuni carburanti
  • art. 9 - Disposizioni urgenti in materia di trasporto
  • art. 9-bis - Misure in materia di trasporti in condizioni di eccezionalità e per l’approvvigionamento energetico delle isole minori
  • art. 9-ter - Disposizioni urgenti in materia di sport
  • art. 10 - Organizzazione dell’Unità di missione di cui all’articolo 7 del decreto-legge 21 marzo 2022, n. 21, convertito, con modificazioni, dalla legge 20 maggio 2022, n. 51
  • art. 11 - Gestore dei servizi energetici e ulteriori interventi in materia di elettricità
  • art. 12 - Misure fiscali per il welfare aziendale
  • art. 13 - Sostegno alle imprese agricole danneggiate dalla siccità
  • art. 14 - Rafforzamento della governance della gestione del servizio idrico integrato
  • art. 15 - Stato di emergenza derivante da deficit idrico
  • art. 16 - Misure straordinarie in favore degli enti locali
  • art. 16-bis - Anagrafe delle occupazioni permanenti del sottosuolo
  • art. 17 - Disposizioni urgenti in materia di eventi sismici
  • art. 18 - Accelerazione delle procedure di ripiano per il superamento del tetto di spesa per i dispositivi medici e dei tetti di spesa farmaceutici
  • art. 19 - Riparto delle risorse destinate alla copertura dei fabbisogni standard
  • art. 20 - Esonero parziale dei contributi previdenziali a carico dei lavoratori dipendenti
  • art. 20-bis - Misura urgente per il settore della cultura
  • art. 21 - Anticipo della rivalutazione delle pensioni all’ultimo trimestre 2022
  • art. 21-bis - Modifiche al limite di impignorabilità delle pensioni
  • art. 22 - Estensione ad altre categorie di lavoratori dell’indennità una tantum di cui agli articoli 31 e 32 del decretolegge 17 maggio 2022, n. 50
  • art. 22-bis - Disposizioni concernenti il Corpo nazionale dei vigili del fuoco
  • art. 23 - Rifinanziamento del Fondo per il sostegno del potere d’acquisto dei lavoratori autonomi.
  • art. 23-bis - Proroga del lavoro agile per i lavoratori fragili e i genitori lavoratori con figli minori di anni 14
  • art. 23-ter - Modifiche all’articolo 21 -ter del decreto-legge 24 giugno 2016, n. 113, convertito, con modificazioni, dalla legge 7 agosto 2016, n. 160
  • art. 24 - Iniziative multilaterali in materia di salute
  • art. 24-bis - Modifica all’articolo 42 del decreto-legge 31 maggio 2021, n. 77, convertito, con modificazioni, dalla legge 29 luglio 2021, n. 108
  • art. 25 - Bonus per l’assistenza psicologica
  • art. 25-bis - Proroga del lavoro agile per i lavoratori del settore privato
  • art. 26 - Modifica e ottimizzazione delle misure di accoglienza di cui all’articolo 44 del decreto-legge 17 maggio 2022, n. 50.
  • art. 27 - Rifinanziamento del fondo per bonus relativi ai trasporti
  • art. 27-bis - Disposizioni urgenti per lo sviluppo progettuale dello scalo di «Alessandria Smistamento»
  • art. 28 - Misure di accelerazione degli interventi infrastrutturali in materia di trasmissione televisiva
  • art. 29 - Disposizioni in materia di procedura liquidatoria dell’amministrazione straordinaria di Alitalia – Società Aerea Italiana S.p.A.
  • art. 30 - Misure urgenti per il sostegno alla siderurgia
  • art. 31 - Modifiche all’articolo 28 del decreto-legge 30 aprile 2022, n. 36, relativo alla Società 3-I S.p.A.
  • art. 31-bis - Disposizioni in materia di interventi di ricostruzione e di attuazione degli interventi del PNRR
  • art. 32 - Aree di interesse strategico nazionale
  • art. 33 - Procedimento autorizzatorio unico accelerato regionale
  • art. 33-bis - Misure urgenti di semplificazione e accelerazione per la fornitura di soluzioni temporanee di emergenza per esigenze abitative, didattiche, civili, sociali, religiose, economico-produttive e commerciali
  • art. 33-ter - Semplificazioni in materia di cessione dei crediti ai sensi dell’articolo 121 del decreto-legge 19 maggio 2020, n. 34, convertito, con modificazioni, dalla legge 17 luglio 2020, n. 77
  • art. 33-quater - Norme di semplificazione in materia di installazione di vetrate panoramiche amovibili
  • art. 34 - Revisione dei prezzari per appalti pubblici e Fondo per l’avvio di opere indifferibili - Olimpiadi Milano-Cortina
  • art. 34-bis - Disposizioni per l’adeguamento dei prezzi negli appalti di lavori per impianti di energia elettrica
  • art. 35 - Disposizioni urgenti per il rifinanziamento di strumenti di sviluppo industriale del Ministero dello sviluppo economico
  • art. 35-bis - Ulteriori misure urgenti per l’attuazione del Piano nazionale di ripresa e resilienza
  • art. 36 - Fondo unico nazionale per il turismo
  • art. 37 - Disposizioni in materia di intelligence in ambito cibernetico
  • art. 37-bis - Disposizioni in materia di Ente circoli della Marina militare
  • art. 37-ter - Modifiche alla legge 3 agosto 2007, n. 124, per garantire la continuità del controllo parlamentare sul Sistema di informazione per la sicurezza
  • art. 37-quater - Modifica all’articolo 1 del decreto-legge 21 settembre 2019, n. 105, convertito, con modificazioni, dalla legge 18 novembre 2019, n. 133
  • art. 38 - Norme in materia di istruzione
  • art. 39 - Modifiche alla legge 14 novembre 2000, n. 338, in materia di alloggi e residenze per studenti universitari, in attuazione della Riforma 1.7 della Missione 4, Componente 1, del Piano nazionale di ripresa e resilienza
  • art. 39-bis - Fondo per il funzionamento delle istituzioni scolastiche
  • art. 40 - Edilizia penitenziaria
  • art. 41 - Semplificazione del procedimento di assegnazione delle risorse del Fondo unico giustizia
  • art. 41-bis - Disposizioni urgenti in materia di giustizia tributaria
  • art. 42 - Misure in materia di versamenti del contributo straordinario
  • art. 42-bis - Disposizioni in materia di internalizzazione del contact center multicanale dell’INPS
  • art. 42-ter - Misure urgenti per il ristoro dei danni subiti dal patrimonio pubblico e privato e dalle attività produttive nei territori colpiti da eventi emergenziali
  • art. 42-quater - Progetto Guaranteed Loans Active Management - GLAM
  • art. 42-quinquies - Misure per lo sviluppo della microelettronica in attuazione del PNRR
  • art. 42-sexies - Impiego all’estero di personale dell’AISE
  • art. 42-septies - Clausola di salvaguardia
  • art. 43 - Disposizioni finanziarie
  • art. 44 - Entrata in vigore

Le modifiche per riaprire il mercato dei crediti edilizi

A tenere banco nel percorso di conversione in legge sono state le richieste del Parlamento che riguardavano l'utilizzo del superbonus 110% e il meccanismo di cessione dei crediti edilizi.

Mentre sul superbonus 110% non c'è stata alcuna apertura del Governo ad una eventuale proroga per i soggetti beneficiari in scadenza (le persone fisiche per interventi su edifici unifamiliari), qualcosa si è provato a fare per riaprire il mercato dei crediti edilizi, completamente bloccato non solo a seguito dei continui cambi normativi del 2022 ma soprattutto a causa dei contenuti della circolare n. 23/E dell'Agenzia delle Entrate sulla responsabilità solidale e il concorso nella violazione.

Responsabilità solidale che secondo il Fisco andrebbe valutata sulla base della diligenza del cessionario nella verifica di alcuni profili, ovvero l'eventuale:

  • assenza di documentazione o palese contraddittorietà rispetto al riscontro documentale prodotto;
  • incoerenza reddituale e patrimoniale tra il valore e l’oggetto dei lavori asseritamente eseguiti e il profilo dei committenti beneficiari delle agevolazioni in esame;
  • sproporzione tra l’ammontare dei crediti ceduti ed il valore dell’unità immobiliare;
  • incoerenza tra il valore del credito ceduto e il profilo finanziario e patrimoniale del soggetto cedente il credito qualora non primo beneficiario della detrazione;
  • anomalie nelle condizioni economiche applicate in sede di cessione dei crediti;
  • mancata effettuazione dei lavori.

Disposizioni che hanno già portato alcune società di consulenza a richiedere adempimenti non previsti dalla normativa come le asseverazioni video dei tecnici.

La responsabilità solidale dopo il Decreto Aiuti-bis

Con l'approvazione da parte del Senato, i prossimi passi sono: la pubblicazione in Gazzetta Ufficiale della legge di conversione e, con ogni probabilità, la pubblicazione di una nuova circolare del Fisco che prenda in considerazione le nuove disposizioni sulla responsabilità solidale.

L'art. 33-ter (Semplificazioni in materia di cessione dei crediti ai sensi dell’articolo 121 del decreto-legge 19 maggio 2020, n. 34, convertito, con modificazioni, dalla legge 17 luglio 2020, n. 77) del Decreto Aiuti-bis, nella sua versione coordinata con la legge di conversione, prevede una modifica dell’articolo 14 del decreto-legge 17 maggio 2022, n. 50 (Decreto Aiuti), a cui vanno inseriti i seguenti due nuovi commi:

1-bis.1. All’articolo 121, comma 6, del decreto-legge 19 maggio 2020, n. 34, convertito, con modificazioni, dalla legge 17 luglio 2020, n. 77, dopo le parole: ‘in presenza di concorso nella violazione’ sono inserite le seguenti: ‘con dolo o colpa grave’. Le disposizioni introdotte dal presente comma si applicano esclusivamente ai crediti per i quali sono stati acquisiti, nel rispetto delle previsioni di legge, i visti di conformità, le asseverazioni e le attestazioni di cui all’articolo 119 e di cui all’articolo 121, comma 1-ter, del citato decreto-legge n. 34 del 2020.

1-bis.2. Per i crediti di cui all’articolo 121 del decreto-legge 19 maggio 2020, n. 34, convertito, con modificazioni, dalla legge 17 luglio 2020, n. 77, sorti prima dell’introduzione degli obblighi di acquisizione dei visti di conformità, delle asseverazioni e delle attestazioni di cui al comma 1-ter del medesimo articolo 121, il cedente, a condizione che sia un soggetto diverso da banche e intermediari finanziari iscritti all’albo previsto dall’articolo 106 del testo unico delle leggi in materia bancaria e creditizia, di cui al decreto legislativo 1° settembre 1993, n. 385, da società appartenenti a un gruppo bancario iscritto all’albo di cui all’articolo 64 del predetto testo unico delle leggi in materia bancaria e creditizia ovvero da imprese di assicurazione autorizzate ad operare in Italia ai sensi del codice delle assicurazioni private, di cui al decreto legislativo 7 settembre 2005, n. 209, e che coincida con il fornitore, acquisisce, ora per allora, ai fini della limitazione a favore del cessionario della responsabilità in solido di cui al comma 6 del predetto articolo 121 ai soli casi di dolo e colpa grave, la documentazione di cui al citato comma 1-ter.