Efficientamento termico e idrico: 187 milioni dal MITE

A disposizione di scuole, strutture sanitarie e impianti sportivi pubblici le risorse del Fondo Kyoto 2021. Presentazione domande fino al 31 luglio 2022

di Redazione tecnica - 18/03/2022
© Riproduzione riservata
Efficientamento termico e idrico: 187 milioni dal MITE

Pubblicato nella Gazzetta Ufficiale del 10 marzo 2022, n. 58, il comunicato del Ministero della Transizione Ecologica inerente la riapertura dei termini per la presentazione delle domande per la concessione di finanziamenti a tasso agevolato a valere sul Fondo Kyoto, che mette a disposizione ancora oltre 187 milioni di euro per interventi di efficientamento energetico e risparmio idrico.

Efficientamento termico e idrico: 187 milioni dal MITE 

In particolare, nell’avviso su fa presente che con il decreto direttoriale n. 463 del 30 dicembre 2021 è stata disposta la riapertura dei termini per la presentazione delle domande per la concessione di finanziamenti a tasso agevolato per l'efficientamento energetico e risparmio idrico degli edifici pubblici ai sensi del decreto interministeriale 11 febbraio 2021, n. 65, pubblicato nella Gazzetta Ufficiale del 24 aprile 2021, n. 98.

Fino alle ore 24.00 del 31 luglio 2022 potranno quindi presentare domanda di concessione del finanziamento:

  • 1. i soggetti pubblici proprietari delle seguenti strutture:
    • a. edifici destinati all'istruzione scolastica, ivi inclusi gli asili nido, all'istruzione universitaria, all'alta formazione artistica, musicale e coreutica (AFAM);
    • b. impianti sportivi, non compresi nel «Piano per la realizzazione di impianti sportivi nelle periferie urbane» di cui al comma 3 dell'art. 15 del decreto-legge 25 novembre 2015, n. 185;
    • c. edifici adibiti a ospedali, policlinici e a servizi socio-sanitari;
  • 2. i soggetti pubblici che a titolo oneroso o gratuito hanno in uso le strutture pubbliche di cui al punto 1;
  • 3. i Fondi di investimento immobiliare costituiti ai sensi al decreto-legge 6 luglio 2011, n. 98, per i soli edifici di cui al punto 1, lettera a).

Le domande di ammissione dovranno essere compilate, a pena di irricevibilità, attraverso l'apposito applicativo reso disponibile sul sito internet della Cassa depositi e prestiti, firmate digitalmente, corredate della relativa documentazione e trasmesse via PEC. La procedura di ammissione è effettuata secondo l’ordine cronologico di ricezione delle istanze, fino ad esaurimento dei fondi disponibili.

Gestito con il supporto della Cassa Depositi e Prestiti, il Fondo concede prestiti ad un tasso dello 0,25% per una durata massima di 20 anni. Gli interventi finanziati dovranno garantire un miglioramento dell’efficienza energetica in grado di far guadagnare all’immobile interessato almeno due classi energetiche. Le modalità e i criteri di concessione dei finanziamenti sono disciplinati dal decreto interministeriale 11 febbraio 2021.

Cos’è il Fondo Kyoto 2021

Con l’articolo 1, comma 743 della legge 145/2018 (Legge di Bilancio 2019) il Fondo Kyoto Scuole, di cui all’art. 9 del DL 91/2014 per l’efficientamento energetico degli edifici scolastici ed universitari, è stato esteso anche a strutture sanitarie e impianti sportivi di proprietà pubblica.

Queste le modalità previste:

  • il Fondo concede finanziamenti a tasso agevolato ai soggetti pubblici proprietari degli immobili, per la realizzazione di interventi di efficientamento energetico ed idrico, applicando ai prestiti un tasso agevolato dello 0,25% con durata massima pari a 20 anni;
  • gli interventi devono garantire un miglioramento nel parametro di efficienza energetica dell’edificio di almeno 2 classi energetiche;
  • le risorse messe a disposizione ammontano a 200 milioni di euro e l’importo massimo che si può richiedere per singolo edificio è di 2 milioni di euro.