Osservatorio Mims-sindacati: turnazione h24, tracciamento materiali, lavorazioni a maggior rischio

Sicurezza nei cantieri: Osservatorio Mims-sindacati, monitoraggio su condizioni di lavoro e nuove regole subappalto. Rafforzamento degli strumenti per prevenire infiltrazioni criminali

di Redazione tecnica - 11/12/2021
© Riproduzione riservata
Osservatorio Mims-sindacati: turnazione h24, tracciamento materiali, lavorazioni a maggior rischio

Monitoraggio attento sulle condizioni di lavoro nei cantieri e sulle modalità del subappalto e misure stringenti per prevenire infiltrazioni criminali nella realizzazione di opere pubbliche. Su questi aspetti si è focalizzata la riunione dell’Osservatorio nazionale che il Ministro delle Infrastrutture e della Mobilità Sostenibili, Enrico Giovannini, ha costituito a ottobre scorso insieme con i segretari delle federazioni degli edili di CGIL, CISL e UIL - Alessandro Genovesi, Enzo Pelle e Vito Panzarella - e le principali stazioni appaltati, per garantire condizioni di massima sicurezza anche nei cantieri sottoposti a procedure accelerate, a partire da quelli commissariati e quelli del Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza.

Cantieri commissariati e cantieri PNRR

Nel corso della riunione questi profili sono stati verificati con riguardo ai cantieri commissariati e con la prospettiva che le soluzioni individuate possano essere alla base anche delle scelte di progettazione ed esecuzione dei lavori del Pnrr.

Le soluzioni concordate

Tra le soluzioni concordate figurano:  

  • il prossimo lancio da parte del MIMS del sistema di monitoraggio sull’avanzamento dei cantieri (già operativo per i cantieri commissariati) che consentirà anche alle organizzazioni sindacali un esercizio più mirato di verifica delle condizioni di lavoro;
  • la definizione di una clausola standard da inserire nella documentazione di gara, a partire dalla “determina a contrarre”, per uniformare le modalità di autorizzazione del subappalto, condizionandolo alla verifica del Contrato Collettivo Nazionale di Lavoro utilizzato e alla congruità della forza lavoro applicata;

il potenziamento dei sistemi di prevenzione delle infiltrazioni criminali attraverso lo scambio tempestivo di informazioni sui settori e tipologie economiche a maggiore rischio e su gare o territori meritevoli di particolare attenzione.