Ministero dell’Interno: Applicazione del DL 22 aprile 2021, n. 52

La nuova circolare del Ministero dell’Interno contiene le indicazioni sulle nuove misure di contenimento e contrasto al Covid-19

di Redazione tecnica - 25/04/2021
© Riproduzione riservata
Ministero dell’Interno: Applicazione del DL 22 aprile 2021, n. 52

Pubblicata ieri sera dal Ministero dell’Interno la Circolare 24 aprile 2021 prot. 29851 avente ad oggetto «Decreto-legge 22 aprile 2021, n. 52, recante "Misure urgenti per la graduale ripresa delle attività economiche e sociali nel rispetto delle esigenze di contenimento della diffusione dell’epidemia da COVID-19"»

Con la circolare in argomento, inviata ai prefetti, vengono fornite alcune indicazioni in merito all'applicazione delle misure contenute nel decreto-legge 22 aprile 2021, n. 52, adottate per regolamentare una graduale ripresa delle attività economiche e sociali sul territorio.

Argomenti trattati dalla circolare

La circolare tratta, dettagliatamente, i seguenti argomenti:

  • Spostamenti (art. 1, comma 2, e art. 2, commi 1 e 2);
  • Attività didattica in presenza (art. 3);
  • Attività dei servizi di ristorazione (art. 4)
  • Spettacoli aperti al pubblico (art. 5, commi 1, 3 e 4);
  • Piscine, palestre e sport di squadra (art. 6, comma 3).

Riaperture e mobilità

Nella circolare è, anche, evideniato come le nuove disposizioni, oltre alle cosiddette "riaperture'', riguardano sostanzialmente la mobilità tra aree territoriali connotate da un differente scenario di rischio sanitario, cui si connette l'introduzione di un sistema certificativo comprovante l'assenza di patologie derivanti dagli agenti virali trasmissibili da SARS-CoV 2, nonché il riavvio delle attività scolastiche in presenza.

Controlli sulle situazioni di sovraffollamento

La circolare richiama i prefetti sull’esigenza che i servizi territoriali predisposti per la verifica del rispetto delle misure anti contagio debbano concentrarsi sulle possibili situazioni di sovraffollamento, privilegiando, quindi, le aree interessate dalla presenza di esercizi aperti al pubblico ed a più intensi flussi di mobilità secondo linee condivise in sede di comitato provinciale per l'ordine e la sicurezza pubblica.

Coinvogimento delle polizie locali

Nella circolare è, anche, richiamata l 'attenzione in merito all'esigenza che i dispositivi di vigilanza e controllo siano predisposti in maniera da assicurare il pieno coinvolgimento anche delle polizie locali, specie negli scenari urbani nei quali l'impiego di tali operatori può risultare particolarmente incisivo ai fini della corretta osservanza delle disposizioni comportamentali anti COVID-19.

Mirati interventi operativi

Dovranno essere disposti, pertanto, mirati interventi operativi in prossimità dei quadranti urbani maggiormente interessati, specie nelle grandi città, da fenomeni di aggregazione, soprattutto in occasione dei fine settimana e delle giornate festive e prefestive.

Vai allo Speciale Coronavirus Covid-19