Smart cities a impatto zero: fondi UE per le città italiane

La Commissione Europea ha selezionato i centri a cui saranno destinati i finanziamenti dal programma Horizon Europe 2022-23

di Redazione tecnica - 04/05/2022
© Riproduzione riservata
Smart cities a impatto zero: fondi UE per le città italiane

Sono 100 le città scelte dalla Commissione Europea nell’ambito della missione UE “100 città intelligenti e a impatto climatico zero entro il 2030”. Tra queste, ci sono anche Bergamo, Bologna, Firenze, Milano, Padova, Parma, Prato, Roma e Torino, che faranno parte dei centri a cui saranno destinati i 360 milioni di euro di finanziamento dal programma Horizon Europe per il periodo 2022-23.

Smart cities: il progetto UE

I fondi, finalizzati a sostenere percorsi di ricerca e innovazione riguardanti efficienza energetica, mobilità sostenibile e pianificazione del verde urbano, potranno essere utilizzati per realizzare iniziative congiunte e avviare collaborazioni con altri programmi di sostegno UE, attivare servizi di consulenza e assistenza su misura, opportunità di networking e scambio delle pratiche più virtuose.

Le città selezionate saranno invitate dalla Commissione a sviluppare “Climate City Contracts”, comprendenti un piano generale per la neutralità climatica e i relativi piani di investimento in settori come energia, edifici, gestione dei rifiuti e trasporti. Il processo prevede il coinvolgimento di cittadini, organismi di ricerca e settore privato.

Alle 100 città “pioniere”, se ne aggiungeranno altre 12 provenienti da Paesi associati al programma Horizon Europe, rappresentando il 12% della popolazione totale dell’Unione Europea. Il totale di partenza era 377 e la Commissione UE sta preparando forme di sostegno anche per quelle realtà che non sono state selezionate.