Superbonus 110% e Anti-frode: proposto tetto di spesa per i nuovi obblighi

Proposto un emendamento alla Legge di Bilancio 2022 che prevede un tetto di spesa sotto il quale non serve il visto di conformità e l'asseverazione di congruità delle spese

di Redazione tecnica - 12/12/2021
© Riproduzione riservata
Superbonus 110% e Anti-frode: proposto tetto di spesa per i nuovi obblighi

Come già rilevato, è intenzione del Governo non procedere con la conversione in Legge del Decreto Legge n. 157/2021 (Decreto anti-frode), inserendone tutti i contenuti all'interno della Legge di Bilancio 2022.

Superbonus 110% e Anti-frode: l'inserimento in Legge di Bilancio

Il 22 novembre 2021 è stata presentata e approvata la proposta di modifica n. 9.2000 all'art. 9 del DDL n. 2448 recante "Bilancio di previsione dello Stato per l'anno finanziario 2022 e bilancio pluriennale per il triennio 2022-2024". Emendamento presentato dal Governo e già con il bollo di esito positivo della Ragioneria generale dello Stato che con una disposizione della Legge di Bilancio inserisce le norme del Decreto anti-frode all'interno del Decreto Legge n. 34/2020 (Decreto Rilancio) e contemporaneamente abroga il Decreto Legge n. 157/2021 che non sarà più convertito in legge.

Superbonus 110% e Legge di Bilancio: 64 proposte di emendamento all'emendamento del Governo

All'emendamento 9.2000 presentato dal Governo sono, però, arrivate altre 64 proposte di emendamento che a vario titolo provano a mitigare gli effetti (in alcuni casi disastrosi) del Decreto anti-frode. Molti dei quali chiedono di eliminare il visto di conformità in caso di utilizzo del superbonus nella dichiarazione dei redditi (a prescindere se avvenga con la precompilata o meno).

Altri emendamenti chiedono:

  • di estendere la detraibilità delle spese sostenute dai contribuenti per il rilascio del visto di conformità, delle attestazioni e delle asseverazioni a tutte le detrazioni per i quali sono necessari;
  • di prevedere un limite di spesa (c'è chi propone 25.000, chi 30.000 e chi 50.000 euro) per le singole unità immobiliari o sulle parti comuni dell'edificio entro le quali non servono il visto di conformità e l'asseverazione di congruità delle spese di tutti gli altri bonus edilizi oltre il superbonus e il bonus facciate.

Visto e asseverazione del Bonus facciate al 2022

Proposta anche la possibilità di applicare le nuove procedure del Decreto anti-frode, limitatamente alle spese per il bonus facciate sostenute a decorrere dal 1º gennaio 2022.

Come sempre, attenderemo la pubblicazione in Gazzetta Ufficiale della Legge di Bilancio 2022 per avere maggiori certezze (che al momento non abbiamo).