Superbonus 110% e bonus edilizi: a chi possono cedere le banche?

Il Decreto Aiuti ha modificato il meccanismo di cessione del credito, prevedendo la possibilità per le banche di cedere a clienti professionali privati

di Redazione tecnica - 19/05/2022
© Riproduzione riservata
Superbonus 110% e bonus edilizi: a chi possono cedere le banche?

La pubblicazione in Gazzetta Ufficiale del D.L. n. 50/2022 (Decreto Aiuti) cambia nuovamente il meccanismo delle opzioni alternative al superbonus 110% e agli altri principali bonus edilizi.

Cessione del credito: cosa cambia?

Rispetto alla precedente versione, adesso non è più consentito alle banche di cedere (solo in caso di bisogno) il credito a favore dei soggetti con i quali abbiano stipulato un contratto di conto corrente, senza facoltà di ulteriore cessione. Questa possibilità è stata sostituita dalla cessione sin dal primo acquisto di credito da parte delle banche a favore dei clienti professionali privati di cui all’articolo 6, comma 2-quinquies, del D.Lgs. n. 58/1998, che abbiano stipulato un contratto di conto corrente con la banca stessa, ovvero con la banca capogruppo, senza facoltà di ulteriore cessione.

Clienti professionali privati: chi sono

Come previsto dal Regolamento della Consob (allegato) si intendono clienti professionali per tutti i servizi e gli strumenti di investimento:

  • i soggetti che sono tenuti a essere autorizzati o regolamentati per operare nei mercati finanziari, siano essi italiani o esteri quali:
    1. banche;
    2. imprese di investimento;
    3. altri istituti finanziari autorizzati o regolamentati;
    4. imprese di assicurazione;
    5. organismi di investimento collettivo e società di gestione di tali organismi;
    6. fondi pensione e società di gestione di tali fondi;
    7. i negoziatori per conto proprio di merci e strumenti derivati su merci;
    8. soggetti che svolgono esclusivamente la negoziazione per conto proprio su mercati di strumenti finanziari e che aderiscono indirettamente al servizio di liquidazione, nonché al sistema di compensazione e garanzia (locals);
    9. altri investitori istituzionali;
    10. agenti di cambio;
  • le imprese di grandi dimensioni che presentano a livello di singola società, almeno due dei seguenti requisiti dimensionali:
    • totale di bilancio: 20 000 000 EUR;
    • fatturato netto: 40 000 000 EUR;
    • fondi propri: 2 000 000 EUR;
  • gli investitori istituzionali la cui attività principale è investire in strumenti finanziari, compresi gli enti dediti alla cartolarizzazione di attivi o altre operazioni finanziarie.

Documenti Allegati