Superbonus 110% e Condomini: ultima chiamata per le delibere assembleari

Scade oggi per i condomini il termine per l'approvazione della delibera assembleare di esecuzione dei lavori per accedere all'aliquota del 110%. Da domani i nuovi interventi utilizzeranno quella al 90%

di Redazione tecnica - 24/11/2022
© Riproduzione riservata
Superbonus 110% e Condomini: ultima chiamata per le delibere assembleari

È ormai chiaro che il D.L. n. 176/2022 lascerà un segno profondo nella fruizione delle detrazioni fiscali legate al Superbonus. Nelle oltre 20 modifiche subìte dall'agevolazione, dalla sua nascita nel 2020 ad opera del Decreto Rilancio, quella prevista dal Decreto Aiuti Quater rappresenta una vera rivoluzione, perché va a toccare il “sancta sanctorum” della misura: l’aliquota di detrazione.

Superbonus e Decreto Aiuti Quater: ultima chiamata per i condomini

Sono ben poche le categorie a cui verrà riservato ancora il 110%, mentre per quasi tutti i beneficiari, il Superbonus scenderà al 90%, condomini compresi. A meno di fare una corsa pazzesca che si concluderà stasera e che difficilmente porterà al traguardo sperato. Vediamo subito il perché.

Ne abbiamo già parlato nei giorni scorsi e lo ribadiamo: la presentazione della CILAS entro il 25 novembre 2022 non basta. Come disposto all’art. 9 del D.L. n. 176/2022, l’aliquota di detrazione del 110% si conferma per interventi eseguiti in condominio a condizione che:

  • entro il 25 novembre 2022 avranno presentato la CILAS ai sensi dell'art. 119, comma 13-ter del Decreto Rilancio;
  • entro il 24 novembre 2022 abbiano adottato la delibera assembleare con l'approvazione dell’esecuzione dei lavori.

Scade quindi di fatto oggi il termine per adottare la delibera che non è di approvazione lavori, bensì di esecuzione dei lavori. C’è una bella differenza tra le due cose.

Superbonus 110% per i condomini: la delibera di approvazione dell'esecuzione dei lavori

Come abbiamo già avuto modo di sottolineare, la delibera rappresenta l'ultimo atto di tante assemblee di condominio con le quali si era già conferito l'incarico ad un professionista per la predisposizione della documentazione necessaria per lo svolgimento dei lavori. Non solo: teoricamente - ma nemmeno tanto - prima della delibera il Condominio dovrebbe già essere in possesso del preventivo di una o più imprese, comprensivo di capitolato e contratto d'appalto per potere procedere con l’approvazione definitiva che include:

  • esecuzione dei lavori di cui all'art. 119 del Decreto Legge n. 34/2020;
  • preventivo di spesa presentato dall’impresa e allegato alla delibera stessa;
  • pagamento del compenso del professionista;
  • ripartizione delle spese.

Inoltre alla delibera di approvazione andranno allegati:

  • il computo dei lavori;
  • il progetto;
  • il capitolato speciale;
  • il contratto d'appalto.

Solo così l'amministratore potrà procedere con la stipula dei relativi contratti. Di fatto, quanti condomini saranno nelle condizioni di potere procedere con la delibera di esecuzione lavori? D’un tratto, quello del possesso della CILAS al 25 novembre 2022 sembra essere l’ultimo dei problemi per ottenere ancora l’aliquota del 110%.