PMI IN PRIMA LINEA: SFIDA AL GOVERNO

31/05/2007

1.843 volte
Le piccole e medie imprese delle costruzioni, attraverso la Confederazione Nazionale dell’Artigianato e della Piccola e Media Impresa (CNA), si fanno avanti al fine di attivare una consulta nazionale che promuova la formazione e la qualificazione per le imprese nell’ambito dell’efficienza energetica e che garantisca una politica a misura per le pmi, specificando che si tratta delle tipologia di aziende sotto cui rientra la stragrande maggioranza degli operatori di settore, troppo spesso dimenticati dai provvedimenti governativi.

In particolare, il responsabile del dipartimento competitività e ambiente della CNA ammette: che “E’ necessario fare al più presto dei significativi passi in avanti per recuperare il ritardo che l’Italia accusa rispetto al protocollo di Kyoto. Bisogna investire di più nei settori maggiormente inquinanti, con strumentazioni e misure che permettano di ridurre le emissioni. Proprio come le costruzioni che, da sole, assorbono il cinquanta percento delle fonti di energia.”

La CNA accusa, dunque, il Governo di rivolgere iniziative esclusivamente a favore delle grandi strutture industriali, dimenticando l’importanza strategica delle piccole realtà che rappresentano una grande fetta del tessuto produttivo nazionale.

Per questo motivo, la CNA, attraverso una serie di incontri formativi in tutto il territorio nazionale, si propone come valido supporto al fine di promuovere azioni di qualificazione per dipendenti e imprenditori di quelle piccole realtà dimenticate dal governo.

A cura di Gianluca Oreto
© Riproduzione riservata

PARTECIPA ALLA DISCUSSIONE

PARTECIPA PER PRIMO ALLA DISCUSSIONE
Esprimo il consenso al trattamento dei dati personali ai sensi del D.Lgs. n.163/2003 e secondo le finilità illustrata nell'informativa