BANDI DI GARA

05/07/2006

6.313 volte
Continua la prima settimana di verifica e di totale applicazione del D.Lgs. 12 aprile 2006, n. 163 recante "Codice dei contratti pubblici relativi a lavori, servizi e forniture in attuazione delle direttive 2004/17/CE e 2004/18/CE". Dal 1° Luglio il Codice è in vigore e tutti i bandi pubblicati devono quindi essere predisposti secondo le nuove regole.
Ricordiamo che il D.Lgs. n. 163 è interamente in vigore fin quando il decreto-legge n. 173/2006 che lo scorso 27 giugno ha ottenuto il primo sì al senato con il voto di ficucia non sarà approvato dalla Camera e convertito in legge entro il 12 luglio.

Dalla data di pubblicazione sulla Gazzetta Ufficiale della legge di conversione del decreto-legge n. 173/2006, saranno operativi i rinvii di entrata in vigore di alcune norme al 1° febbraio 2007 tra le quali:
  • centrali di committenza;
  • divieto di subappalto per l'impresa ausiliaria nell'avvalimento;
  • dialogo competitivo;
  • accordi quadro;
  • appalto integrato;
  • procedure negoziate.
Sono invece già in vigore tutte le altre procedure contenute nel nuovo Codice e le novità si ripercuotono già sui bandi di gara che in particolare devono essere predisposti verificando:
  • la presenza di tutti gli elementi tipici del bando richiesti dal formulario-tipo (descrizione dell’appalto, valore, dimensionamento, ecc.);
  • la corretta indicazione dell'avvenuta comunicazione alla Commissione UE (per appalti sopra soglia);
  • la dettagliata indicazione dei requisiti generali, di capacità professionale, di capacità economica e di capacità tecnica richiesti per la partecipazione alla gara;
  • la specificazione della procedura per l'avvalimento dei requisiti di capacità economica e tecnica o delle attestazioni soa da parte di soggetti concorrenti;
  • la dettagliata previsione dei criteri e dei subcriteri di valutazione delle offerte;
  • la completa specificazione delle modalità di formulazione e presentazione delle offerte, ricordando che alle stesse devono essere allegate le giustificazioni preliminari in merito alle voci di prezzo;
  • la tempistica di presentazione delle offerte, coerente con i termini minimi previsti dagli artiocli 70 (per gli appalti sopra soglia) e 122-124 (per gli appalti sotto soglia);
  • le eventuali giustificazioni relative all'urgenza;
  • la precisazione dell’eventuale avvenuta pubblicazione dell’avviso di preinformazione, con conseguente riduzione dei termini;
  • l’indicazione della richiesta di garanzia provvisoria del 2%;
  • l’ammissibilità o meno di varianti progettuali;
  • la specificazione di condizioni particolari di esecuzione del contratto con indicazione correlata nel capitolato;
  • la sintesi del percorso procedurale di gara;
  • l’indicazione delle eventuali opzioni;
  • le precisazioni relative al subappalto;
  • le indicazioni relative al contributo per la partecipazione alla gara.



A cura di Paolo Oreto
© Riproduzione riservata

PARTECIPA ALLA DISCUSSIONE

PARTECIPA PER PRIMO ALLA DISCUSSIONE
Esprimo il consenso al trattamento dei dati personali ai sensi del D.Lgs. n.163/2003 e secondo le finilità illustrata nell'informativa