POLICORO, INTERROGAZIONE DI SANZA SU EDILIZIA SOVVENZIONATA

20/03/2009

3.951 volte
Il consigliere regionale del Partito democratico, Antonio Di Sanza, ha presentato un’interrogazione al Presidente della Giunta e all’Assessore al ramo sui ritardi relativi all’avvio dei lavori di edilizia sovvenzionata nel Comune di Policoro.
L’Ater di Matera, in associazione con il Comune di Policoro – dichiara Di Sanza – ha partecipato al bando di gara relativo ai ‘Contratti di Quartiere II’. Il progetto presentato dal Comune di Policoro prevede che l’Ater di Matera realizzi n. 18 alloggi di edilizia sovvenzionata. Lo stesso Comune ha trasmesso all’Ater, la Delibera di Giunta comunale n. 31 del 13 febbraio 2009 relativa all’approvazione dello schema di convenzione da sottoscrivere per l’attuazione dell’intervento in parola. Con deliberazione n. 214 del 27 febbraio 2009, inoltre, il Dipartimento regionale ‘Infrastrutture, opere pubbliche e mobilità’, ha concesso all’Amministrazione comunale di Policoro un finanziamento integrativo pari a 1.490.935,80 euro per l’aggiornamento dei prezzi a base di appalto degli interventi costruttivi compresi nel Programma ‘Contratti di Quartiere II’, invitando il Comune alla riapprovazione del quadro tecnico-economico dell’intervento per un importo complessivo di 6.490.935,80 euro e ad attivare tempestivamente le procedure necessarie per l’affidamento dei lavori”.

Da quanto risulta – aggiunge Di Sanza - da scambi epistolari tra i diversi uffici competenti, però, pare vi sia un conflitto di competenze tra gli stessi con relativi problemi di interpretazione di atti adottati. E’ bene sottolineare che il Comune di Policoro ha già provveduto ad approvare una delibera con la quale si specifica il campo di azione e di competenze dei soggetti interessati (Ater e Comune). Nonostante ciò, sembra che l’Ater di Matera si ostini ad interpretare restrittivamente il campo di competenza assegnatogli. E’ evidente – continua Di Sanza – come tale situazione determini una stasi nelle procedure ed il rischio reale di perdere il finanziamento e vanificare un intervento fondamentale per quel Comune e quel territorio. Pertanto – conclude – tramite un’interrogazione, ho chiesto al Presidente della Giunta regione ed all’Assessore regionale alle infrastrutture, opere pubbliche e mobilità di avere maggiori informazioni sui presunti conflitti di competenza tra gli uffici chiamati in causa, invitando chi di competenza a voler diffidare l’Ater di Matera ad adempiere alle proprie funzioni, al fine di utilizzare appieno e rapidamente le somme stanziate per la realizzazione del progetto in parola”.


a cura di http://www.basilicatanet.it/
© Riproduzione riservata



PARTECIPA ALLA DISCUSSIONE

Esprimo il consenso al trattamento dei dati personali ai sensi della normativa vigente e secondo le finalità illustrate nell'informativa