Regione Siciliana: la modulistica unificata e standardizzata per l’edilizia privata in formato editabile

30/06/2017

18.252 volte

Disponibile la modulistica unificata e standardizzata per la Regione Siciliana, in formato editabile per la presentazione delle segnalazioni, comunicazioni e istanze in materia edilizia.

Dopo l’approvazione da parte della Conferenza unificata dell’Accordo 4 maggio 2017 e successivamente alla pubblicazione della deliberazione della Giunta regionale n. 237 del 14 giugno 2017 recante “Piano di Rafforzamento Amministrativo (PRA) - Programmazione 2014/2020 - Adozione moduli unificati e standardizzati in materia di attività commerciali e assimilate (ex decreto legislativo 30 giugno 2016, n.126), nonché moduli unificati e standardizzati per la presentazione delle segnalazioni, comunicazioni e istanze.(ex decreto legislativo 28 agosto 1997, n.281), adottati in sede di Conferenza Unificata nella seduta del 4 maggio 2017", l'Assessore per il territorio e l’ambiente della Regione siciliana ha predisposto il Decreto n. 186 del 19 giugno 2017 con cui ha approvato i moduli unificati e standardizzati per la presentazione delle segnalazioni, comunicazioni e istanze in materia edilizia. A questo è poi seguita la Determinazione Dirigenziale 28 giugno 2017, n. 100 del Comune di Palermo recante "Adozione della modulistica unificata e standardizzata per la presentazione delle segnalazioni, comunicazioni e istanze in materia edilizia ai sensi di D.A. n. 186/Gab del 19/06/2017 dell'Assessorato Regionale Territorio Ambiente" con la quale la modulistica è stata ufficialmente adottata e trasmessa agli uffici competenti. Di seguito la modulistica (in allegato anche il formato editabile in .doc):

  • Mod.PdC - Presentazione dell'istanza per il rilascio del permesso di costruire (PdC) ex art. 10 del DPR n. 380/2001, recepito con modifiche dall'art. 5 della l.r. n. 16/2016;
  • Mod.SCIA lett.f - Segnalazione certificata di inizio attività (SCIA) ex art. 22 del DPR n. 380/2001, recepito con modifiche dall'art. 10 della l.r. n. 16/2016;
  • Mod.SCIA lett.g - Segnalazione certificata di inizio attività (SCIA) alternativa al permesso di costruire, ex art. 23 del DPR n. 380/2001, recepito dall'art. 1 della l.r. n. 16/2016;
  • Mod.CIL - Comunicazione di inizio lavori (CIL), relativa agli interventi di edilizia libera ex art. 6, comma 2 del DPR n. 380/2001, recepito con modifiche dall'art. 3 della l.r. n. 16/2016;
  • Mod.CILA - Comunicazione di inizio lavori asseverata (CILA), relativa agli interventi di edilizia libera ex art. 6, comma 3 del DPR n. 380/2001, recepito con modifiche dall'art. 3 della l.r. n. 16/2016;
  • Mod.DIA - Dichiarazione di inizio attività (DIA) relativa agli interventi di edilizia libera ex art. 22, comma 4, del DPR n. 380/2001, recepito con modifiche dall'art. 10 della l.r. n. 16/2016;
  • Mod.SCA - Segnalazione certificata di agibilità (SCA) ex art. 24 del DPR n. 380/2001, recepito dinamicamente dall'art. 1 della l.r. n. 16/2016, sostituito dall'articolo 3, comma 1, lett. 1) del decreto legislativo 25 novembre 2016, n. 222;
  • Mod.CFL - Comunicazione di fine lavori (CFL) ex art. 6, comma 4, ciel DPR n. 380/2001, recepito con modifiche dall'art. 3 della l.r. n. 16/2016 e art. 22, comma 3, del DPR n. 380/2001, recepito con modifiche dall'art. 10 della l.r. n. 16/2016.

Ricordiamo che:

  • come previsto dal comma 2 dell’articolo unico del decreto, i Comuni sono tenuti ad adottare i modelli unificati e standardizzati entro oggi (30 giugno 2017), adeguandoli, se necessario, ai regolamentari edilizi comunali che non risultino in contrasto con le disposizioni di legge;
  • in riferimento al comma 3, Regioni e Comuni devono garantire la massima diffusione dei moduli, in particolare mediante pubblicazione degli stessi nella pagina web del sito istituzionale.

A cura di Redazione LavoriPubblici.it

© Riproduzione riservata



PARTECIPA ALLA DISCUSSIONE

Esprimo il consenso al trattamento dei dati personali ai sensi della normativa vigente e secondo le finalità illustrate nell'informativa