Favignana e YAC: Bando per il recupero della fortezza di Santa Caterina

18/01/2018

2.674 volte

Il Comune di Favignana e lo YAC (Young Architects Competitions) in collaborazione con l’Agenzia del Demanio, bandiscono un concorso internazionale di idee tra i giovani architetti finalizzato al recupero della fortezza di Santa Caterina, con l’obiettivo di trovarne una destinazione d’uso vicina all’arte: da antico carcere a polo artistico museale, e non solo.
Soddisfatto il sindaco, Giuseppe Pagoto, che dichiara: “Dopo un iter lungo alcuni anni, l’Amministrazione ha ottenuto la disponibilità del bene. Adesso occorre decidere come meglio conservarlo, ristrutturarlo e riconsegnarlo alla comunità”.
Il Castello è stato consegnato al Comune di Favignana con la firma del verbale il primo ottobre 2015, quando è stata ratificata la consegna del bene demaniale all’Amministrazione. Il passo successivo era la messa in sicurezza del Castello per la definitiva destinazione per fini pubblici e la consegna ufficiale da parte dello Stato al Comune. Il Castello necessita di ristrutturazione per consentire a tutti di fruire del percorso per visitarlo, e ammirare, al contempo, il panorama mozzafiato dall’alto. Il Forte di Santa Caterina, in zona militare, era di proprietà della Marina Militare, ed è stato poi annesso al patrimonio dello Stato. Dopo le ripetute richieste dell’Amministrazione Comunale è stato dato il via a un progetto di riqualificazione dello stesso che sfocia nel concorso lanciato da YAC (Young Architects Competitions) e Comune di Favignana in collaborazione con l’Agenzia del Demanio per riuscire ad avere un progetto sostenibile ed attuale; si tratta di “Art Prison”, concorso di idee, che vede la partecipazione di una giuria di fama internazionale composta, fra gli altri, da Daniel Libeskind (Studio Libeskind), Manuel Aires Mateus (Aires Mateus), Felix Perasso (Snøhetta) e João Luís Carrilho da Graça (Carrilho da Graça Arquitectos).
Art Prison’ nasce  dall’intuizione di approfittare di un contesto formidabile per trasformare il Forte di Santa Caterina in uno dei più suggestivi centri d’arte contemporanea del Mediterraneo: un luogo sublime di incontro, cultura e ricerca creativa, nel quale gli artisti possano ritirarsi per godere di un contesto inviolato e dare espressione alla più autentica essenza della propria interiorità.
La Giuria è composta da:

  • Daniel Libeskind (Studio Libeskind)
  • Manuel Aires Mateus (Aires Mateus)
  • João Luís Carrilho da Graça (Carrilho da Graça Arquitectos)
  • Felix Perasso (Snøhetta)
  • Pietro Ciolino (Agenzia del Demanio)
  • Giuseppe Pagoto (Comune di Favignana)
  • Francesca D’Amico (Comune di Favignana)
  • Fernando Tomasello (Unione Nazionale Pro Loco Italiane)
  • Giorgio Palmucci (Associazione Italiana Confindustria Alberghi)
  • Emanuele Montibeller (Arte Sella)

Il montepremi ammonta a 20mila euro ed è così suddiviso:

  • 10.000 euro al vincitore
  • 4.000 euro al secondo classificato
  • 2.000 euro al terzo classificato

oltre a quattro menzioni "gold" da 1.000 euro ciascuna e a dieci menzioni "d'onore" (cioè senza denaro).

Nel bando è precisato che “Ogni team deve ospitare almeno un componente di età compresa fra i 18 e i 35 anni”. Tra l’altro, la partecipazione è condizionata al pagamento della quota di iscrizione ma è possibile aumentare le probabilità di essere selezionati perché nel bando è precisato che “è possibile presentare più di un progetto corrispondendo più quote di iscrizione”. Per il vincitore non è prevista alcuna garanzia circa l'affidamento dei successivi incarichi di progettazione.
Il termine per la consegna degli elaborati è fissato nell’11 aprile alle ore 12.
L'area relativa al Forte di Santa Caterina è attualmente pericolante, è non è pertanto  sicuro accedere alla struttura.

Tutte le info per partecipare su www.youngarchitectscompetitions.com

In allegato:

A cura di Redazione LavoriPubblici.it

© Riproduzione riservata

PARTECIPA ALLA DISCUSSIONE

Esprimo il consenso al trattamento dei dati personali ai sensi della normativa vigente e secondo le finalità illustrate nell'informativa