Superbonus 110%: l’Agenzia delle Entrate sull’uso promiscuo dell’immobile

L’Agenzia delle Entrate chiarisce le modalità di fruizione del superbonus 110% nel caso di immobili ad uso promiscuo residenziale

01/02/2021
Superbonus 110%: l’Agenzia delle Entrate sull’uso promiscuo dell’immobile

Una risposta dell’Agenzia delle Entrate (finalmente aggiornata alla Legge di Bilancio 2021) chiarisce le modalità di fruizione del superbonus nel caso di edificio ad uso promiscuo.

Superbonus e immobili ad uso promiscuo: la domanda all’Agenzia delle Entrate

Nel caso di specie è il proprietario di un immobile a volere effettuare dei lavori di riqualificazione energetica, potenzialmente rientranti nelle detrazioni fiscali del 110% (c.d. superbonus) previsto dal Decreto Rilancio. L’immobile (di natura residenziale e in cui risiede) è, però, utilizzato occasionalmente come bed and breakfast a conduzione familiare. Per questo chiede se e come può fruire del bonus 110% sulle spese che intende sostenere per la riqualificazione energetica della propria abitazione.

La risposta dell’Agenzia delle Entrate

L’Agenzia delle Entrate ha fornito la risposta n. 65 del 28 gennaio 2021 aggiornata (finalmente) alla legge di Bilancio 2021 e con la quale riprende un concetto già espresso con la risposta n. 570 del 9 dicembre 2020.

In particolare, con la circolare n. 19/E dell’8 luglio 2020 l’Agenzia delle Entrate, parlando delle detrazioni fiscali previste per gli interventi di ristrutturazione edilizia, aveva chiarito che in caso di interventi su unità immobiliari residenziali adibite promiscuamente anche all'esercizio dell'arte o della professione ovvero di attività commerciale (occasionale o abituale), la detrazione spettante è ridotta al 50 per cento, quindi la detrazione è calcolata sul 50 per cento delle spese sostenute.

Anche la risoluzione 24 gennaio 2008 n. 18/E aveva chiarito che la detrazione va ridotta al 50 per cento anche nell'ipotesi specifica di interventi che interessino unità immobiliari residenziali adibite promiscuamente anche all'attività di Bed and Breakfast (occasionale o abituale).

Detrazione dimezzata anche per il Superbonus

Tale principio si applica anche nel caso del superbonus. Per cui qualora sulla unità immobiliare residenziale adibita promiscuamente anche all'esercizio di attività commerciale di Bed and Breakfast (occasionale o abituale) siano realizzati interventi di riqualificazione energetica o riduzione del rischio sismico rientranti nei benefici previsti:

  • dall’art. 119 del Decreto Rilancio (ecobonus e sismabonus 110%);
  • dall'articolo 16, commi da 1-bis a 1-septies, del decreto legge n. 63 del 2013 (sismabonus ordinario);
  • dall'articolo 14, del decreto legge n. 63 del 2013 (ecobonus ordinario);

la relativa detrazione fiscale è calcolata sul 50% delle spese sostenute.

Il caso di specie

Nel caso prospettato l'Istante, in presenza dei requisiti e delle condizioni normativamente previste, può accedere al Superbonus in relazione ai prospettati interventi da realizzare sull'immobile ad uso promiscuo, limitatamente al 50 per cento delle spese effettivamente sostenute.

Segui lo Speciale Superbonus 110% e resta sempre aggiornato

A cura di Redazione LavoriPubblici.it

© Riproduzione riservata