3 MLN DELLA REGIONE PER OPERE IN SCUOLE MATERNE ED ELEMENTARI

130 scuole materne ed elementari di tutte le province del Veneto saranno interessate da una vasta gamma di interventi di miglioria, grazie ad uno stanziament...

10/11/2008
© Riproduzione riservata
130 scuole materne ed elementari di tutte le province del Veneto saranno interessate da una vasta gamma di interventi di miglioria, grazie ad uno stanziamento di 3 milioni di euro, deciso dalla Giunta regionale su proposta dell’Assessore ai Lavori Pubblici Massimo Giorgetti. Si tratta del secondo riparto di questo tipo attuato nel 2008, e riguarda strutture scolastiche gestite da privati, perlopiù istituzioni di ambito religioso. “Anche in questo caso – sottolinea Giorgetti – proseguiamo nell’attuare un preciso impegno programmatico rivolto alla crescita strutturale di sedi didattiche vistosamente bisognose di interventi. Questa tornata di finanziamenti è rivolta alle istituzioni private che gestiscono scuole, ed è giusto e doveroso che sia così – aggiunge Giorgetti – perché esse svolgono una funzione di vitale importanza nell’economia dell’erogazione ai cittadini veneti di servizi essenziali come la scuola materna e quella elementare. A nessuno può sfuggire – prosegue l’Assessore – che il solo settore pubblico non riuscirebbe a far fronte alla sempre crescente richiesta da parte delle famiglie. Per questo, la presenza di un privato serio, tradizionale, attivo e attento ai veri valori da trasferire ai giovanissimi allievi è da considerarsi un prezioso aiuto nell’espletamento di una fondamentale funzione sociale”. Secondo Giorgetti, “il sostegno a interventi di miglioria delle strutture scolastiche è anche in generale, e non solo nel caso delle materne ed elementari, un’azione di grande rilievo. Siamo infatti convinti – aggiunge l’Assessore – che la qualità dell’istruzione si raggiunga attraverso diversi elementi. Anche quello legato alle sedi didattiche è da considerare primario, perché lavorare, studiare e vivere molte ore della giornata in ambienti accoglienti e moderni è certamente di aiuto a tutti, in primis insegnanti e studenti, per raggiungere un obbiettivo primario come quello di un’istruzione completa e formativa”. I contributi deliberati dalla Giunta regionale riguardano numerose tipologie d’intervento: adeguamento delle strutture alla legge 626 antinfortunistica, consolidamento ed impermeabilizzazione delle coperture, ampliamento di spazi da dedicare alla didattica, interventi sugli impianti tecnologici, rifacimento o adeguamento dei servizi igienico-sanitari, ampliamento degli spazi da destinare ai servizi o all’attività sportiva, lavori di bonifica dal “radon” nelle scuole situate in territori dove è registrata dal monitoraggio regionale la presenza di questo gas. Nel dettaglio, 70.007 euro sono andati in provincia di Belluno per 3 opere; 746.581 euro a Padova per 24 opere; 141.211 euro a Rovigo per 7 opere; 867.374 euro a Treviso per 36 opere; 455.513 euro a Venezia per 25 opere; 369.484 euro a Vicenza per 16 opere e 349.556 euro a Verona per 19 opere.

a cura di www.regione.veneto.it