ANCE: Questioni condominiali nel frazionamento dell’abitazione

L’ANCE (Associazione Nazionale Costruttori edili) ha pubblicato un approfondimento riguardante gli interventi di frazionamento di unità immobiliari all’inter...

31/08/2018
© Riproduzione riservata
ANCE: Questioni condominiali nel frazionamento dell’abitazione

L’ANCE (Associazione Nazionale Costruttori edili) ha pubblicato un approfondimento riguardante gli interventi di frazionamento di unità immobiliari all’interno del condominio.

 Il Decreto-legge 12 settembre 2014, n. 133 (decreto cosiddetto “sblocca Italia”) convertito dalle legge 11 novembre 2014, n. 164 ha semplificato il regime amministrativo degli interventi di frazionamento annoverandoli nella categoria edilizia della manutenzione straordinaria (prima erano considerati ristrutturazione edilizia). Ma, ovviamente, se l’intervento di frazionamento è effettuato all’interno di un condominio oltre al rispetto delle norme e prescrizioni in materia urbanistico-edilizia (strumenti urbanistici comunali, regolamenti edilizi, requisiti igienico-sanitari, adeguamento catastale) si pongono una serie di questioni giuridiche in materia condominiale.

L’ANCE, nell’approfondimento allegato dedicato ad individuare le norme utili per risolvere le diverse problematiche da interessanti risposte complete della necessaria giurisprudenza, alle seguenti quattro domande:

  • il frazionamento è sempre ammesso?           
  • è possibile l’apertura di nuove porte/finestre?
  • cosa cambia per i parcheggi già esistenti?
  • è necessaria la revisione delle tabelle millesimali?

In allegato l’approfondimento dell’ANCE.

A cura di Redazione LavoriPubblici.it

Documenti Allegati