Casa: 85 milioni per riqualificazione patrimonio popolare in Lombardia

Sono due le misure approvate dalla Giunta regionale lombarda, su proposta dell'assessore alla Casa, Housing sociale, Expo e Internazionalizzazione delle impr...

15/05/2015
© Riproduzione riservata
Sono due le misure approvate dalla Giunta regionale lombarda, su proposta dell'assessore alla Casa, Housing sociale, Expo e Internazionalizzazione delle imprese Fabrizio Sala e finanziate con 86 milioni di euro, per favorire la riqualificazione di alloggi popolari e per aiutare gli inquilini nell'acquisto della casa dove già risiedono.

"Con l'approvazione del Primo provvedimento del Programma regionale per l'edilizia residenziale pubblica (PRERP) per l'anno 2015 - spiega Sala - Regione Lombardia ha stanziato 85,3 milioni per la riqualificazione del patrimonio di edilizia residenziale pubblica per ridurre il fabbisogno e il disagio abitativo". I destinatari sono le Aler e i Comuni ad alta tensione abitativa (quelli che rientrano cioè nelle prime cinque classi di fabbisogno abitativo: acuto, da capoluogo, critico, elevato e in aumento).

PRIORITà D'INTERVENTO REGIONALE - "L'obiettivo della prima delibera dunque - prosegue Sala - è quello di incrementare l'offerta abitativa pubblica attraverso la riqualificazione e il recupero degli alloggi sfitti che vogliamo rimettere nel circuito abitativo a vantaggio delle fasce sociali più deboli".

TIPOLOGIA INTERVENTI AMMISSIBILI - Sono due le tipologie di interventi ammissibili:

a) interventi di lieve entità (per cui si preveda una spesa inferiore a 15.000 euro per alloggio) finalizzati a rendere prontamente disponibili alloggi sfitti inutilizzabili mediante manutenzione ed efficientamento
b) interventi di ripristino di alloggi di risulta e di manutenzione straordinaria, con un limite massimo di 50.000 euro per alloggio.

FINANZIAMENTO CONCEDIBILE - Il finanziamento è concesso a fondo perduto, nella misura del 100 per cento dei costi ammissibili (lavori, costi per la sicurezza e IVA. Non sono ammesse le spese riferibili alla progettazione e agli oneri vari). Il tetto massimo complessivo di contributo assegnabile non potrà essere superiore ad 750.000 euro per la tipologia di intervento A e a 7.5 milioni per la tipologia di intervento B.

1 MILIONE PER AIUTARE FAMIGLIE A ACQUISTARE CASA DOVE ABITANO - "Con una seconda delibera - continua Sala - abbiamo definito i criteri per l'utilizzo di un altro milione di euro che dovranno aiutare gli inquilini ed i familiari conviventi ad acquistare l'alloggio di proprietà dell'Aler di Milano nel quale risiedono. I fondi, trasferiti a Finlombarda, serviranno a coprire i costi notarili per l'acquisto dell'alloggio e per l'eventuale stipula del mutuo".

DESTINATARI - Potranno beneficiare di questi fondi gli assegnatari dell'alloggio (o il familiare convivente) che abbiano un reddito Isee-Erp (dunque non imponibile) fino a 9.000 euro.

a cura di www.regione.lombardia.it

Link Correlati

Sito ufficiale