FER non fotovoltaiche: al 31 agosto contatore a 5,425 miliardi di euro

Il Gestore dei Servizi Energetici (GSE) ha aggiornato al 31 agosto 2016 il Contatore del costo indicativo cumulato annuo degli incentivi riconosciuti agli im...

13/10/2016
© Riproduzione riservata
FER non fotovoltaiche: al 31 agosto contatore a 5,425 miliardi di euro

Il Gestore dei Servizi Energetici (GSE) ha aggiornato al 31 agosto 2016 il Contatore del costo indicativo cumulato annuo degli incentivi riconosciuti agli impianti alimentati da fonti rinnovabili diversi da quelli fotovoltaici, in cui rientrano gli oneri d’incentivazione riguardanti gli impianti CIP6 (quota rinnovabile), l’incentivo sostitutivo dei Certificati Verdi e le Tariffe Onnicomprensive (DM 18/12/2008), gli impianti incentivati mediante il Conto Energia per il solare termodinamico e quelli in esercizio ai sensi del DM 6/7/2012 e del DM 23/6/2016.

Il contatore delle fonti rinnovabili non fotovoltaiche ha raggiunto, lo scorso 31 agosto, il costo indicativo medio di 5,425 miliardi di euro. Tale ammontare va confrontato con il tetto di 5,8 miliardi di euro.

Nel contatore Proprio in base al DM 23 giugno 2016, il GSE adotta le seguenti modalità di calcolo:

  • ogni mese il GSE calcola il “costo indicativo medio” degli oneri delle rinnovabili non fotovoltaiche, a partire dai valori mensili ipotizzati per i 3 anni successivi nello Scenario Evolutivo. Al 31 agosto il costo indicativo medio risulta di 5,425 miliardi di euro;
  • per gli impianti a Registro e Aste a progetto con il DM 6/7/2012, il costo è imputato a partire da una data presunta di entrata in esercizio e considerando un tasso di decadenza del diritto di accesso agli incentivi sulla base dei dati storici a disposizione;
  • il prezzo dell’energia è pari alla media dei prezzi dei ventiquattro mesi precedenti e dei dodici mesi successivi, come risultanti dagli esiti del mercato a termine pubblicati sul sito del GME. Al 31 agosto 2016 tale prezzo risulta di 46,57 €/MWh.

A cura di Redazione LavoriPubblici.it

Tag: