In Gazzetta ufficiale il decreto milleproroghe con lo slittamento delle fonti rinnovabili, della sicurezza negli edifici scolatici e degli arbitrati

Sul supplemento ordinario n. 39 alla Gazzetta Ufficiale n. 48 del 27 febbraio scorso è stata pubblicata la legge 26 febbraio 2010 n. 25 recante "Conversione ...

01/03/2010
© Riproduzione riservata
Sul supplemento ordinario n. 39 alla Gazzetta Ufficiale n. 48 del 27 febbraio scorso è stata pubblicata la legge 26 febbraio 2010 n. 25 recante "Conversione in legge, con modificazioni, del decreto-legge 30 dicembre 2009, n. 194, recante proroga di termini previsti da disposizioni legislative.".
Segnaliamo alcune novità introdotte nel corso dell'iter legislativo.

Fonti rinnovabili
Con l'articolo 8, comma 4-bis viene prorogato all'1 gennaio 2011 del termine previsto dal DPR 6 giugno 2001, n. 380 recante "Testo unico delle disposizioni legislative e regolamentari in materia edilizia", già prorogato dall'art. 1, comma 289, della legge 244/2007 (Legge Finanziaria 2008), entro il quale, ai fini del rilascio del permesso di costruire, deve essere prevista, per gli edifici di nuova costruzione, l'installazione di impianti per la produzione di energia elettrica da fonti rinnovabili, in modo tale da garantire una produzione energetica non inferiore a 1 kW per ciascuna unità abitativa, compatibilmente con la realizzabilità tecnica dell'intervento.

Sfratti
Con l'articolo 5, comma 7-bis, viene disposta la proroga al 31 dicembre 2010 della esecuzione dei provvedimenti di rilascio per finita locazione degli immobili adibiti ad uso abitativo prevista dal decreto-legge 20 ottobre 2008, n. 158, convertito nella legge 18 dicembre 2008, n. 199 recante "Misure urgenti per contenere il disagio abitativo di particolari categorie sociali" (esecuzione già prorogata al 31 dicembre 2009 dall`art. 1 del suddetto decreto legge).

Amianto
Con l'articolo 6, comma 9-bis,iIn materia sanitaria, viene autorizzata la presentazione, fino al 30 giugno 2010, del curriculum professionale di cui all'articolo 2, comma 4, lettera c) del decreto del Ministro del lavoro e della previdenza sociale 12 marzo 2008, pubblicato nella G.U. n. 110 del 12 maggio 2008 recante "Modalità attuative dei commi 20 e 21 dell'articolo 1 della legge 24 dicembre 2007, n. 247, concernente la certificazione di esposizione all'amianto di lavoratori occupati in aziende interessate agli atti di indirizzo ministeriale".

Sicurezza negli edifici scolastici
Con l'articolo 7, comma 5-ter, viene introdotta una norma che modifica l'art. 2, comma 239, della legge 34 dicembre 2009, n. 191 (Legge Finanziaria 2010) laddove prevede che, al fine di garantire condizioni di massima celerità nella realizzazione degli interventi necessari per la messa in sicurezza e l'adeguamento antisismico delle scuole, entro il 30 giugno 2010 (anziché entro 30 giorni dalla data di entrata in vigore della suddetta legge) sono individuati gli interventi di immediata realizzabilità fino all'importo complessivo di 300 milioni di euro, con la relativa ripartizione degli importi tra gli enti territoriali interessati, nell'ambito delle misure e con le modalità previste dal DL 137/2008 convertito in L. 169/2008 recante "Disposizioni urgenti in materia di istruzione e università".

Sono state, inoltre, confermate le seguenti disposizioni

Arbitrati
Nell'originario articolo 5, comma 4 era previsto lo spostamento al 30 giugno 2010 del termine del 31 dicembre 2009 relativo alla proroga degli arbitrati e tale spostamento si era reso necessario nelle more del procedimento volto a dare attuazione alle norme contenute nella direttiva 2007/66/CE dell'11 dicembre 2007 del Parlamento europeo e del Consiglio.
Ma visto che il termine per l'esercizio della delega da parte del Governo scadrà il prossimo 20 marzo e che lo schema di decreto legislativo per il recepimento della direttiva comunitaria 2007/66 in materia di miglioramento dell'efficacia delle procedure di ricorso in materia di aggiudicazione degli appalti pubblici ha avuto il 25 gennaio scorso il previsto parere del Consiglio di Stato ed il successivo parere favorevole con osservazioni da parte delle commissioni riunite II ed VIII, nella legge di conversione, l'originario termine del 30 giugno 2010 è stato anticipato al 30 aprile 2010.

Piani di gestione dei bacini idrografici
Con l'articolo 8, comma 1, in materia ambientale, viene prorogato, al 28 febbraio 2010, il termine per l'adozione dei Piani di gestione dei bacini idrografici, da parte dei comitati istituzionali delle Autorità di bacino di rilievo nazionale di cui all'art.1, comma 3-bis, del decreto-legge 30 dicembre 2008, n. 208, convertito dalla legge 27 febbraio 2009, n.13.

Zone franche urbane
Con l'articolo 9, comma 4, in materia di Zone franche urbane di cui alla legge 27 dicembre 2006, n.296 (Legge Finanziaria 2008), viene previsto che l'importo del Fondo istituito nello stato di previsione del Ministero dello sviluppo economico per provvedere al finanziamento di programmi di intervento connessi alle zone franche urbane di cui alla medesima legge, costituisce tetto massimo di spesa.

Concessioni demaniali marittime
Con l'articolo 1, comma 18, le concessioni demaniali marittime con finalità turistico.ricreatve, con l'articolo 1, comma 18 vengono prorogate fino alla fine del 2015.

Studi di settore
Con l'articolo 1, comma 4, al fine di tener conto degli effetti della crisi economica e dei mercati, , in deroga all'articolo 1, comma 1, secondo periodo, del regolamento di cui al decreto del Presidente della Repubblica 31 maggio 1999, n. 195, viene disposta la proroga del termine per la pubblicazione in Gazzetta ufficiale degli studi di settore per gli anni 2009 e 2010, fissati rispettivamente al 31 marzo 2010 e 31 marzo 2011.

A cura di Paolo Oreto

Documenti Allegati