Terremoto centro Italia: in Gazzetta l'Ordinanza n. 444/2017

È stata pubblicata sulla Gazzetta Ufficiale n. 87 del 13 aprile 2017 l'Ordinanza Presidenza del Consiglio dei Ministri 5 aprile 2017, n. 444 del Commissario ...

14/04/2017
© Riproduzione riservata
Terremoto centro Italia: in Gazzetta l'Ordinanza n. 444/2017

È stata pubblicata sulla Gazzetta Ufficiale n. 87 del 13 aprile 2017 l'Ordinanza Presidenza del Consiglio dei Ministri 5 aprile 2017, n. 444 del Commissario del Governo per la ricostruzione nei territori interessati dal sisma del 24 agosto 2016 recante "Ordinanza di protezione civile per favorire e regolare il subentro, senza soluzione di continuità, delle Regioni Abruzzo, Lazio, Marche e Umbria nelle attività avviate durante la fase di prima emergenza, disciplinate con le ordinanze adottate ai sensi dell'articolo 5, della legge 24 febbraio 1992, n. 225".

L'Ordinanza ha sancito il passaggio del testimone per la gestione dell'emergenza post terremoto, già dal 7 aprile 2017, dalla Di.Coma.C (Direzione comando e controllo) a Regioni e Comuni, creando le condizioni per procedere a una rimodulazione dell’articolazione operativa della struttura che, nella prima fase emergenziale, ha assicurato il coordinamento delle componenti e strutture operative del Servizio Nazionale della Protezione Civile e la gestione unitaria dell’emergenza, per meglio rispondere alle nuove esigenze e al generale contesto in evoluzione.

In particolare, è previsto il prosieguo, senza soluzione di continuità, del Dipartimento della protezione civile per diverse attività previste dall'art. 1 dell'Ordinanza tra le quali:

a) monitoraggio dell'attuazione degli appalti specifici per l'allestimento delle Strutture abitative d'emergenza (S.A.E.);
b) coordinamento dello svolgimento delle verifiche di agibilità degli edifici fino al soddisfacimento delle esigenze legate alla gestione dell'emergenza;
c) coordinamento della gestione delle risorse finanziarie rese disponibili per la gestione della situazione di emergenza;
d) coordinamento degli interventi del volontariato di protezione civile a supporto delle esigenze di tutela dei beni culturali nonché della gestione dei rimborsi previsti a favore delle organizzazioni di volontariato di protezione civile e dei datori di lavoro dei volontari;
e) coordinamento dell'intervento delle risorse dei comuni intervenuti a seguito degli eventi sismici, organizzato dall'Associazione nazionale dei comuni d'Italia;
f) svolgimento delle funzioni relativamente agli interventi approvati nell'ambito del programma di ripristino e messa in sicurezza della rete stradale;
g) gestione delle attività contrattuali direttamente attivate dal Dipartimento della protezione civile a supporto delle iniziative connesse con la gestione emergenziale fino alla conclusione degli effetti delle medesime, comunque non oltre la scadenza dello stato di emergenza.

Dal 7 aprile 2017:

  • le funzioni svolte dall'arch. Antonia Pasqua Recchia sono assicurate dal segretariato generale del Ministero dei beni e delle attività culturali e del turismo. Il segretariato generale del Ministero dei beni e delle attività culturali e del turismo svolge le eventuali attività residue volte alla messa in sicurezza dei beni culturali mobili e immobili;
  • le funzioni svolte dall'ing. Claudio De Angelis sono assicurate dalla Direzione centrale per l'emergenza e il soccorso tecnico del Corpo nazionale dei vigili del fuoco. La Direzione centrale per l'emergenza e il soccorso tecnico del Corpo nazionale dei vigili del fuoco svolge le eventuali attività residue volte all'adozione delle contromisure tecniche urgenti su manufatti edilizi;
  • l'ing. Fulvio Soccodato prosegue nell'esercizio delle sue funzioni per la parte di rete viaria contemplata negli stralci del programma di ripristino e messa in sicurezza della rete stradale, nonché delle relative eventuali rimodulazioni;
  • le funzioni svolte dalla dott.ssa Simona Montesarchio sono assicurate dalla Direzione generale per gli interventi in materia di edilizia scolastica, per la gestione dei fondi strutturali per l'istruzione e per l'innovazione digitale del Ministero dell'istruzione, dell'università e della ricerca. Il Ministero dell'istruzione, dell'università e della ricerca svolge le eventuali attività residue volte alla realizzazione e all'allestimento di strutture modulari finalizzate alla continuità dell'attività scolastica, limitatamente agli edifici scolastici non inclusi nelle ordinanze del commissario straordinario per la ricostruzione e contenuti nel decreto-legge n. 189 del 2016 convertito.

Ferme restando le funzioni mantenute in capo al Dipartimento della protezione civile, nella tabella allegata all'Ordinanza sono indicate le attività per le quali i presidenti delle Regioni Abruzzo, Lazio, Marche e Umbria, in relazione ai rispettivi ambiti territoriali, assicurano il coordinamento degli interventi avviati a partire dal 24 agosto 2016 in attuazione delle disposizioni contenute nelle ordinanze di protezione civile richiamate in premessa.

A cura di Redazione LavoriPubblici.it

Documenti Allegati