Testo Unico Edilizia (DPR n. 380/2001), ANCE: 'In 8 anni 70 disposizioni modificate'

"Dal 2010 ad oggi il DPR n. 380/2001 (c.d. Testo Unico Edilizia) è stato un “bersaglio” di modifiche:  9 provvedimenti, a cadenza quasi annuale, hanno ridise...

27/07/2018
© Riproduzione riservata
Testo Unico Edilizia (DPR n. 380/2001), ANCE: 'In 8 anni 70 disposizioni modificate'

"Dal 2010 ad oggi il DPR n. 380/2001 (c.d. Testo Unico Edilizia) è stato un “bersaglio” di modifiche:  9 provvedimenti, a cadenza quasi annuale, hanno ridisegnato la normativa (con più di 70 disposizioni modificate!)".

Lo ha denunciato l'Associazione Nazionale Costruttori Edili (ANCE) nell'ultimo dossier sulle semplificazioni del settore edile in cui ha preso in esame il D.P.R. n. 380/2001 e il D.Lgs. n. 42/2004 (Codice del paesaggio), evidenziando come le modifiche abbiano interessato anche il procedimento amministrativo in genere (Legge n. 241/90) toccando i temi relativi all’attivazione dei poteri sostituivi con le conseguenti ricadute sulla responsabilità dell’autore del comportamento omissivo, alla previsione del danno o dell’indennizzo da ritardo nella conclusione del procedimento fino alle modifiche in tema di autotutela amministrativa, silenzio della pubblica amministrazione e nuova conferenza di servizi.

Il dossier si allaccia alle ultime dichiarazioni che i costruttori hanno reso insieme all'Associazione Nazionale Comuni Italiani (Anci) in merito alla situazione del Codice dei contratti e alla richiesta di regole semplici e durature che permettano agli operatori di maturare la piena efficienza sulla materia.

L'obiettivo del nuovo Dossier Ance è quello di illustrare le principali semplificazioni che dal 2010 ad oggi hanno interessato il settore dell’edilizia privata al fine di fornire un orientamento in un complesso normativo non semplice.

Ecco i provvedimenti che dal 2010 ad oggi hanno interessato il Testo Unico Edilizia:

2010

D.L. 78/2010 conv. in L. 122/2010 (Introduzione della SCIA)
D.L. 40/2010 conv. in L. 73/2010 (Introduzione della CILA e ampliamento dell’attività edilizia libera)

2011

D.L. 201/2011 conv. in L.106/2011(Realizzazione diretta opere di urbanizzazione primaria)
D.L. 70/2011 conv. L. .106/2011 (Riqualificazione incentivata delle aree urbane degradate)

2012

D.L. 5/2012 conv in L. 35/2012 ( Vendita parcheggi pertinenziali)

2013

D.L. 69/2013 conv. L. 98/2013 (Modifica della sagoma nella demolizione e ricostruzione; Proroga titoli edilizi etc..)

2014

D.L. 133/2014 (Frazionamento/accorpamento: manutenzione straordinaria; Permesso di costruire convenzionato)
D.L. 90/2014 (Agenda per la semplificazione 2015 - 2017)

2015

Legge 124/2015 Deleghe per la riforma della la pubblica amministrazione (in attuazione della delega sono stati emanati i Dlgs 126/2016 e 222/2016)

2016

Dlgs 126/2016 (cd. Decreto SCIA 1) (Concentrazione regime amministrativi – SCIA unica/Scia condizionata)
Dlgs 222/2016 (cd. SCIA 2) (Eliminazione CIL, SCIA agibilità, Scia alternativa al Pdc, Tabella A con indicazione specifica dei regimi amministrativi)
Intesa Stato Regioni ed enti locali del 20 ottobre 2016(Regolamento Edilizio Tipo)

2017

Accordo Stato/Regioni /enti locali 21/12/ 2017 (Aggiornamento Agenda per la semplificazione 2018 – 2020)
Legge 124/2017 (Aggiornamento catastale interventi edilizia libera)
Accordo Stato/Regioni/enti locali del 4/05/2017 e del 6/07/2017 (Nuova modulistica edilizia) DL 50/2017 conv. Legge 96/2017 (Nuova definizione di restauro e risanamento conservativo)

2018

Dm 2/03/2018 (Glossario unico per l’edilizia libera)

In allegato il Dossier Ance.

A cura di Redazione LavoriPubblici.it

Documenti Allegati