Tetti a falde e manti in laterizio: Nuovo manuale ANDIL

L’ANDIL (Associazione Nazionale degli industriali dei laterizi) ha, recentemente, realizzato un manuale dal titolo Tetti a Falde e manti in laterizio raccogl...

21/03/2016
© Riproduzione riservata
Tetti a falde e manti in laterizio: Nuovo manuale ANDIL

L’ANDIL (Associazione Nazionale degli industriali dei laterizi) ha, recentemente, realizzato un manuale dal titolo Tetti a Falde e manti in laterizio raccogliendo in un dossier una serie di articoli suddivisi in tre macroaree, rispettivamente: Ricerca, Tecnologia, Dettagli Costruttivi ed Architettura, allo scopo di diffondere la buona cultura del “Progettare e Costruire Consapevole”.

Nella Prefazione di Gianni Meneghini Presidente della Macro Sezione ANDIL “Laterizi a vista” è affermato che il colore rosso laterizio al primo sguardo caratterizza fortemente la penisola italiana che appare coperta da un raffinato ordito, formato di tegole e coppi in cotto. Il visitatore che gode del panorama di una delle nostre bellissime città non può che restare ammirato da come il tempo ha saputo modificare i colori originali degli elementi di copertura in laterizio; le forme praticamente immutate per tre millenni assumono tutte le tonalità del rosso, uno spettacolo dovuto alla stessa essenza del laterizio, che invecchiando diventa ancor più naturale e bello.

Le esigenze accresciutesi in questi ultimi anni in termini di risparmio energetico, isolamento acustico, comfort abitativo, rispetto dell'ambiente, hanno comportato una inevitabile rilettura della funzione del tetto, che non è più semplice protezione dagli agenti atmosferici. Le tegole in laterizio si sono quindi dovute evolvere nella gamma tipologica e nelle caratteristiche prestazionali, ed oggi rappresentano ancora, come al tempo degli Antichi Romani, il migliore, più elegante e duraturo sistema di copertura di un edificio.

Il tetto di una abitazione oggi è diventato un sistema complesso nel quale, sotto il manto in "cotto", si nasconde e compartecipa dinamicamente una molteplicità di strati, aventi ciascuno una specifica funzione (dissipazione di calore, isolamento termico, tenuta all'aria, barriera al vapore, schermatura radiativa, ecc.), è dunque fondamentale che le aziende produttrici siano in grado di assicurare un costante apporto in termini di ricerca e sviluppo dei prodotti per copertura, per mantenere competitivo il nostro prodotto rispetto alle alternative possibili. Purtroppo la costruzione del tetto viene troppo spesso data per scontata, si adottano tecniche non corrette "io l'ho sempre fatto così", non si usano le stesse attenzioni riservate oggi alle pareti esterne dell'abitazione, come se il tetto non influisse sulle qualità complessive della casa; tale banalizzazione comporta spesso negative conseguenze su durabilità, costi di manutenzione, prestazioni ed estetica.

In allegato il manuale Tetti a Falde e manti in laterizio.

A cura di Redazione LavoriPubblici.it

Tag: