Caro materiali e ristori: per Assistal il problema ancora non è risolto

In assenza ancora di soluzioni concrete per gli anni 2020 e 2021, Assistal sottolinea che è impossibile ignorare o archiviare il problema

di Redazione tecnica - 09/12/2021
© Riproduzione riservata
Caro materiali e ristori: per Assistal il problema ancora non è risolto

Caro materiali e ristori: ancora nulla all’orizzonte e ASSISTAL non ci sta. Nonostante l’invito a prendere parte alla prossima riunione della Commissione consultiva centrale per il rilevamento del costo dei materiali da costruzione del MIMS per il secondo semestre 2021, secondo l’Associazione l’approccio al problema è completamente da rivedere.

Caro materiali e ristori: per ASSISTAL c'è ancora molto da fare

Dopo il nostro appello al Governo”, ha infatti affermato Angelo Carlini, Presidente ASSISTAL, “siamo stati convocati per prendere parte alla prossima riunione della Commissione consultiva centrale per il rilevamento del costo dei materiali da costruzione del MIMS per il secondo semestre 2021. Apprezziamo l’iniziativa e non faremo mancare il nostro contributo costruttivo, anche se ad oggi, riteniamo che l’approccio sia completamente da rivedere. Nell’orientamento del Ministero, infatti, c’è l’intenzione di implementare le voci dei materiali per l’immediato futuro: non possiamo ritenere sufficiente l’iniziativa per risolvere il problema.

Secondo l'Associazione Nazionale Costruttori di Impianti, dei Servizi di Efficienza Energetica – ESCo e Facility Management, aderente a Confindustria, è necessario, oltre che rivedere anche i criteri di calcolo, tornare sul recente passato e correggere le errate previsioni normative definite per il primo semestre 2021 e per tutto l’anno 2020.

Impossibile guardare al futuro senza considerare il passato: “Se archiviamo la pratica pensando soltanto al futuro, archiviamo inevitabilmente anche la vita produttiva di moltissime imprese, che non sono in grado di sostenere finanziariamente i danni patiti nei mesi precedenti. Come ripetuto più volte negli ultimi mesi, riteniamo che i provvedimenti adottati siano insufficienti ed è necessario e doveroso intervenire anche sul passato, con forme straordinarie, perché straordinaria è la situazione di mercato e l’insostenibilità dei lavori e dei servizi in essere da parte delle imprese".

Soluzioni al caro materiali: le proposte di ASSISTAL

Carlini sottolinea come sia necessario rivedere subito quanto è stato finora realizzato in maniera errata, in particolare:

  • la parzialità delle voci dei materiali;
  • gli scostamenti percentuali registrati, disancorati dalla realtà

Inoltre il presidente Assistal ribadisce che le risorse economiche stanziate, pari a 100 milioni previsti per il primo semestre 2021, non sono sufficienti: “è giunto il momento che il Governo riveda un impegno di spesa congruo rispetto ai danni patiti e, pertanto, intraprenda una strada effettivamente risolutiva rispetto alla grave situazione di disagio per le imprese per il 2020 e per il 2021, nel settore pubblico e privato”.

Tag: